giovedì 27 gennaio 2022

Hummus cremoso in 3 versioni per il club del 27

NO, non ho abandonato il blog...e SI, mangio lo stesso, soltanto che sono pressa da mille altre cose. 

L'appuntamento però con il Club del 27 non me lo perdo mai (o quasi) e anche se non faccio sempre in tempo a publicare le ricette che faccio, ci tengo a seguire questo appuntamento perche scopro sempre cibi curiosi e interessanti e si possono sceglie ricette addate alle nostre necessità e gusti!

Questo giro è veramente stupendo perche le ricette scelte vengono tratte dal libro di Jenny Rosenstrach "The weekday vegetarians" sono come dice il tittolo vegetariane, ma con qualche alternativa sia vegana che ovnivora, ce ne sono per tutti i gusti.

Io ho scelto gli hummus in tre versioni, perche non potrei vivere senza e perche mi sono andati di lusso visto che la mia meal prep settimanale prevedeva almeno due salse per acompagnare le schisce di questi giorni.

Sul sito di MTChallenge trovate alcune delle ricette di questa autrice, rifatte da noi del Club del 27



HUMMUS cremoso 
in 3 versioni 

 


Ingredienti:

3 tazze di ceci cotti o 2 lattine, sciacquate e scolate 

½ tazza di tahini 

1 spicchio d'aglio grande, schiacciato e tritato grossolanamente 

il succo di 1 limone e mezzo 

½ cucchiaino di sale 

½ tazza di acqua ghiacciata 

Olio extravergine di oliva per condire


Frullare i ceci in un robot da cucina fino a ottenere un composto gonfio e pastoso. 

Aggiungere la tahina, l'aglio, il succo di limone, il sale e l'acqua ghiacciata. Lavorare fino a che liscio, aggiungendo altra acqua ghiacciata se necessario, fino a raggiungere la consistenza desiderata. 

Servire su un vassoio irrorato con buon olio d'oliva e condire con della paprika dolce e dei semi di sesamo tostati.


VARIAZIONI

Per l'hummus verde, aggiungere ½ tazza di spinaci surgelati scongelati confezionati (strizzati dal liquido in eccesso) più un altro cucchiaio di succo di limone con gli altri ingredienti dopo aver frullato i ceci; condire con olio d'oliva extra vergine e guarnite come desiderate, magari con alcuni piselli surgelati scongelati, o con qualche foglia di prezzemolo o coriandolo.

Per l'hummus rosa, frullare 1 barbabietola cotta grande, sbucciata o 2 piccole con gli altri ingredienti, sempre dopo aver frullato i ceci. Servire con un filo d’olio d'oliva extra vergine e dei semi di papavero o sesamo nero, potete anche guarnire con dei ravanelli a fette.


Si conservare in un contenitore ermetico in frigorifero, per un massimo di 1 settimana.

giovedì 27 maggio 2021

il mio PICNIC per il Club del 27

...é arrivato!!! 

E già alle porte il momento del picnic, la bella stagione (appena smette di piovere...) immagino tutti con cestino e la copertina sotto il braccio a cercare un luogo sul prato, in montagna in mezzo la natura dove stendere la tovaglia e disfrutare di un pranzo, o perche no di una merenda, o quello che preferite!

Il club del 27 questo mese vi fa delle proposte, semplici ma gustose e sopratutto pratiche d'assaporare e da trasportare "nel cestino" per un picnic come si deve!

E se per il momento non potete uscire di casa, per qualsiasi motivo... non importa, allestite un picnic sul terrazzo, o nel balcone, o perche no dentro casa, basta adagiare una tovaglia per terra in salotto!

Questo mese, le ricette scelte sono state tratte dal libro The outdoor table ricette.





GEORGIA PEACH SANGRIA

Sangria alle pesche 




Ingredienti per 6 persone: 

2 pesche medie

¼ tazza di succo d'arancia fresco

2 cucchiai di zucchero

1 bottiglia di vino bianco secco, refrigerato

50 ml di grappa alla pesca (io quel normale)

300 ml acqua gassata


Lavate e sbucciate le pesche, tagliatele a pezzetti e lasciatele macerare in una brocca grande per una ventina di minuti assieme al succo d'arancia e lo zucchero.

Aggiungete il vino e la grappa, mescolate delicatamente e conservare in frigorifero. 

Al momento di servire, versateci lentamente l’acqua gassata. 

La frutta può essere consumata una volta che vi siete bevuti la sangria!




GRILLED SUMMER VEGGIE SANDWICHES 

Panini vegetariani alla griglia 



Ingredienti per 4 persone: 

4 funghi portobello grandi

2 peperoni medi rossi o gialli

2 zucchine medie

30 ml di succo di limone fresco

1 cucchiaino di scorza di limone grattugiata

30 ml di tazza di olio extravergine di oliva

2 spicchi d'aglio, tritati

2 cucchiaini di timo fresco

120 g di formaggio di capra (io del tofu marinato)

3 cucchiai di pesto di basilico preparato (io fatto in casa)

4 panini (tipo ciabata) aperti a metà

Rimuovete i gambi dei funghi portabello, tagliate i lati dei peperoni ottenendone delle strisce larghe e tagliate le zucchine a fettine, nel senso della lunghezza, spesse 3 o 4 millimetri. 

Mettete tutte le verdure in un grande sacchetto di plastica richiudibile. Aggiungeteci il succo di limone, la scorza, l'olio, l'aglio e il timo e lasciate marinare le verdure per almeno 30 minuti o fino a 4 ore. Io le ho lasciato tutta la notte e l’indomani a pranzo erano stupende, pronte e saporite per la griglia.

Preriscaldate una griglia a fuoco medio-alto. Grigliate le verdure per 3-4 minuti per lato finché non si saranno formati i segni tipici della griglia. Mentre le verdure grigliano, mescolate il formaggio di capra e il pesto in una piccola ciotola. 

Passate i panini, da ambe le pati, sulla griglia soltanto per circa 30 secondi in modo di riscaldarli. Distribuite abbondantemente la miscela di pesto su entrambi i lati del pane e una volta che le verdure sono tenere, adagiatele sul pane come più preferite. A me è piaciuto molto la versione con il fungo nella parte sopra a chiusura del panino.


note: preparali in anticipo e servili freddi o a temperatura ambiente, per sciò sono molto addati a un picnic.




MAMA’S FROSTED PEANUT BUTTER BROWNIES 

Brownies al burro di arachidi



Ingredienti per 16 porzioni 

120 g di burro

120 g di burro di arachidi liscio

90 g di zucchero di canna (io moscovado)

60 g di zucchero bianco

1 uovo grande

1 cucchiaino di estratto di vaniglia

100 g di farina per tutti gli usi

¼ di cucchiaino di sale

mezzo cucchiaino di lievito in polvere


Ganache al cioccolato

3 cucchiai di panna

100 g di cioccolato fondente tritato

Mezzo cucchiaino di sale marino


Preriscaldate il forno. In una casseruola o pentolino capiente, sciogliete il burro a fuoco medio-basso. Incorporate il burro di arachidi, lo zucchero di canna e quello bianco fino a quando non saranno ben amalgamati. Togliete la casseruola dal fuoco e incorporare l'uovo e la vaniglia e mescolare bene. 

Aggiungete la farina, il sale e il lievito in polvere e mescolate fino a quando non sarà appena amalgamato. 

Versate la pastella in una teglia quadrata da 20 cm e cuocere i brownies per 30-32 minuti. Sfornate e lasciateli raffreddare completamente su una gratella.

Per la ganache, mettete la panna in una ciotola adatta al microonde e fattela andare per 1 minuto, mescolate e versateci il cioccolato mescolando fino a quando il cioccolato si è sciolto.

Distribuite la ganache sui brownies raffreddati e cospargeteli con del sale marino. 

Tagliateli in quadrati e servire.


note: la cottura, per quanto riguarda la mia tipologia di forno, potrebbe essere accorciata da 4 o 5 minuti in modo di lasciare i brownie un pò meno asciutti




martedì 27 aprile 2021

la mia Frittata di Patate e Asparagi al forno per il club del 27

Trovo che Aprile sia un mese meraviglioso, le giornate sono definitivamente più lunghe e il sole scalda di più, d'altra parte questo sarebbe anche un mese di pioggia perciò la natura cresce rigogliosa e la voglia di fare picnic è al massimo dei massimi... (pandemia permetendo)... comunque questo mese per il club del del 27 ci siamo decantati per un libro stupendo The roasting tin” di Rukmini Yver, dove tutto va messo in teglia e cotto in forno e alcune di queste pietanze trovo siano perfette per i picnic, come quella che ho scelto da fare, la Frittata di Patate e Asparagi al forno. Giudicate voi, qui ne troverete tante altre!


Fritatta di patate e asparragi al forno


Ingredienti per 4 persone:


400 g di patate, sbucciate e tagliate a fettine sottili

200 g di patate dolci, sbucciate e tagliate a fettine sottili

1 cipolla, affettata sottilmente

2 cucchiai di olio d'oliva

Sale marino e pepe nero appena macinato

15 g di dragoncello fresco, tritato finemente

5 uova

50 g di crème fraîche

230 g di asparagi, mondati

30 g di parmigiano


Preriscaldate il forno a 170 ° C ventilato o pure 190 ° C  statico. 

Disponete le due tipologie di patate e la cipolla in una piccola teglia da forno profonda e mescolate bene con l'olio d'oliva, un cucchiaino di sale marino, una buona macinata di pepe nero e dragoncello. Coprite bene con della carta stagnola, (io ho usato quella da forno) poi trasferite in forno e cuocete per 30 minuti.


Nel frattempo, sbattete le uova con la panna acida. Condite bene con sale e del pepe nero appena macinato. 

Una volta che le patate e le cipolle sono cotte, versate il composto di uova distribuendolo bene dappertutto

Disponete sopra gli asparagi e cospargere con il parmigiano, quindi rimettere la teglia nel forno, scoperta, per altri 25–30 minuti, fino a quando le uova non sono cotte. Servire caldo o freddo.




venerdì 26 marzo 2021

colazione con Buvette's Steamed Scrambled Eggs per il club del 27

Questa volta va di uova... un ingrediente che a casa mia non manca mai, perche catalana sarei senza almeno una dozzina di uova in frigo? Peccato che per 10 giorni ho dovuto stare attenta per problemi di salute altrimenti ne avrei fate parecchie di ricette questo mese, perche il club del 27, per questo mese di marzo, ci ha proposto una sfilza di preparazioni dove l'ingrediente "estrella" è l'uovo!

Le ricette sono tratte dal libro All about eggs di Rachel Khong, un giro del mondo sulle preparazioni delle uova. Per ora mi sono limitato a questa ricetta che è diventata la colazione di qualche giorno fa, e che ho scelto alla fine tra tante perche il modo di cottura mi ha fatto tropo simpatia e incuriosito. Ci credete, che con soltanto con una caffettiera potete prepararvi sia il caffe che le uova? Vengono soffice e morbide, magari però, io li ho cotto un pò troppo, devo prendere di sicuro la mano con questo sistema, perchè è la prima volta che adopero la cannula del vapore della caffettiera per cucinare del cibo!


Buvette's Steamed Scrambled Eggs



ingredienti per 2

4 uova

sale

Peper

2 cucchiai di burro tagliato in due

Formaggio morbido (optional)

Erbe aromatiche tritate (optional)

Creme fraiche (optional)

Salmone affumicato (optional)


Rompete le uova in una brocca di porcellana o di acciaio inossidabile.

Con una forchetta, sbattete velocemente le uova, aggiungete il burro praticamente sciolto e mescolate.

Per cuocere le uova dovete utilizzare il beccuccio del vapore della vostra macchina per caffè espresso, quello che si usa per scaldare il latte e fare i cappuccini, per intenderci... immergete la questo Beccuccio nella miscela di uova dentro la brocca o caraffa.

Aprite la valvola e cuocere al vapore le uova, facendo dei movimenti circolari con la brocca fino a quando il preparato si inizia quagliare, più o meno 60 secondi e listo!

Versate le uova in due piatti e condite con sale e pepe. 

Potete completare il piatto accompagnandolo con del formaggio fresco, delle erbe aromatiche, della creme franche o perche no con del salmone affumicato, diciamo a vostra fantasia e gusto.

Inizialmente volevo accompagnarlo con tutto di più, ma poi facendo una ricerca nel mio frigo il salmone non è stato pervenuto, così ho optato per della creme fraiche mescolata a un cucchiaio di yogurt e del timo fresco tritato.


mercoledì 27 gennaio 2021

Zuppa provenzale con paprika affumicata per il club del 27

Questo mese, nelle cucine del club del 27, si sente un "chup-chup", tipico rumore che fa intuire quando le pentole sono sul fuoco e la zuppa sobbolle. 
Proveneneti da diversi angoli del mondo e da diversi libri e riviste di food, sono state selezionate delle ricette dalle qualli abbiamo scelto ognuno quale fare. Questa volta ho scelto una zuppa di verdure speziatta di Belinda Williams del duo libro Delicious soups, la "Chunky provençal vegetable soup with smoked paprika". E vi svagliate se pensate sia una semplice minestra, perche con quel tocco di acceto balsamico e di paprica affumicata le da la svolta molto interessante.
E poi diciamocelo, chi non gradisce, con questo tempaccio una zuppa del genere bella calda? 
Per tutte le zuppe che il club ha cucinato le trovate qua nel MTChallenge

ZUPPA di verdure provenzale 
con paprika affumicata






ingredienti per 6 persone:
3 cucchiai abbondanti di olio d'oliva
1 cipolla rossa, a dadini
2 spicchi d'aglio, schiacciati
1 zucchina a dadini
1 carota, sbucciata e tagliata a cubetti
2 coste di sedano, affettate
1 porro piccolo (solo la parte bianca) a fette
800 ml di brodo vegetale
400 g pomodori tritati e 
3 cucchiai di concentrato di pomodoro
un bel pizzico di paprika affumicata
200 g di fagioli misti
una manciata di fagiolini tagliati a pezzetti
1 cucchiaio di aceto balsamico
un mazzetto di basilico fresco, tritato grossolanamente
un mazzetto di prezzemolo fresco, tritato grossolanamente
sale marino e pepe nero macinato


In una grande casseruola, nel mio caso ho usato una pentola di coccio, mettete 2 cucchiai d'olio d'oliva, la cipolla, l'aglio, le zucchine, la carota, il sedano e il porro e mescolare a fuoco medio per circa 3 o 4 minuti, finché l'olio non sarà assorbito.
Versate il brodo e i pomodori tritati, dopo un paio di minuti aggiungete i fagiolini e la passata o concentrato di pomodoro e mescolate il tutto. 
Cuocete a fuoco lento per circa 15-20 minuti, fino a quando le verdure saranno tenere.
Nel frattempo, saltate in padella con l'olio rimasto i fagiolini con gli spicchi d'aglio, aggiustate di sale e pepe nero e tenete da parte in caldo.
Condite la zuppa con la paprika affumicata e amalgamate. 
Aggiungete i fagioli misti e l'aceto balsamico e cuocete per un paio di minuti. Infine incorporate il basilico e il prezzemolo tritati freschi, riservandone un pò per guarnire i piatti al momento di servire.

Nel mio caso ho sostituito il basilico con del timo e del rosmarino, che ho legato con un pò di spago e messo a cuocere appena la zuppa ha cominciato a borbottare, poi una volta spento il fuoco ho prelevato il fagottino di erbe aromatiche e servito i piati con un rametto di timo e del prezzemolo








venerdì 27 novembre 2020

Sablé al cioccolato bianco caramellato con sale marino per il club del 27

 

Questo mese, visto la vicinanza delle feste natalizie e per addolcire un pò questo anno strano, nel club del 27 si è pensato di fare una swap e regalarci tra di noi dei biscotti, chi li ha spedito fisicamente e chi, come me lo fa virtualmente. Ma in fondo fare un dolce con amore ed impegno pensando a qualcuno, credo sia una bellissima cosa tanto per il palato che per l'anima, diciamolo, un boccone dolce al momento giusto può cambiarci la giornata!

Questi biscotti sono per una persona dolce e grintosa, proprio come lo sono questi sablé al cioccolato bianco..., Bianca Berti del blog Tritabiscotti! Vi siete resi con to del gioco di parole, nomi, ingredienti e colori? Tutto un caso... e....la magia del Natale!





Sablé al cioccolato bianco caramellato 

con sale marino




Ingredienti 

(per circa 45 biscotti)


255 g di cioccolato bianco tritato

227 g di burro a temperatura ambiente

150 g di zucchero semolato

1 tuorlo d’uovo grande (19 g)

4 g di estratto di vaniglia

250 g di farina 00

1 cucchiaino di sale kosher

45-60 g di panna fresca da montare, riscaldata

Sale marino, per aspersione

 

Preriscaldate il forno a 150 ° C.

Foderate una teglia con della carta da forno e distribuiteci sopra la cioccolata bianca tritata. Infornate fino a quando il cioccolato inizia a sciogliersi, circa 10 minuti. Usando una spatola, spalmate il cioccolato in uno strato sottile, continuate a cuocere ancora 10 minuti. Mescolate e ripetete la procedura fino a quando il cioccolato non sarà caramellato. Il cioccolato potrà  sciogliersi o diventare granulare. Se il cioccolato è granuloso, mettetelo in un macinino da caffè o frullatore e rendetelo liscio, non serve che sia perfettamente liscio. Lasciate raffreddare leggermente. Se preparate il cioccolato precedentemente ricordatevi di riscaldarlo prima d’usarlo.


In una ciotola, o nell’impastatrice, montate lo zucchero e il burro fino ad ottenere un composto bianco e cremoso (serviranno 4-5 minuti). 

Aggiungete il tuorlo d’uovo e la vaniglia e continuate a montare per un altro  minuto, poi aggiungete 3 cucchiai di cioccolato bianco caramellato morbido e continuate a sbattere con le fruste fino a quando non sarà completamente amalgamato. Abbassate la velocità del mixer e incorporate gradualmente la farina, un pizzico di sale e amalgamate bene.


Dividete l’impasto in due parti e formate con ciascuna un rotolino di 2,5 cm di larghezza, avvolgeteli con della pellicola da cucina e fateli raffreddare in frigorifero per almeno 1 ora o come nel mio caso per tutta la notte.


Preriscaldate il forno a 180 °C e foderate una teglia per la cottura con carta da forno. Tagliate i rotolini in fette spesse circa 2 cm e posizionateli ben distanziati sulla teglia appena preparata. Infornate e cuoceteli per 8-10 minuti o fino a quando i bordi sono dorati. Stati attenti perche io la prima teglia sono riuscita a tostarli tropo! Sfornateli con molta cura perche sono fragilissimi e fateli raffreddare su una griglia.


Mettete in una ciotola il cioccolato caramellato rimasto e fatelo ammorbidire nel microonde. Aggiungete la panna, che dovrà essere calda, 1 cucchiaino alla volta, mescolando fino a quando il cioccolato bianco prenda la consistenza di una ganache, abbastanza morbido da spandersi ma non troppo liquido. Distribuite 1 cucchiaino di ganache su ogni biscotto e cospargete con del sale marino. Meglio se gli servite il giorno stesso altrimenti tendono ad ammorbidirsi, anche se vi assicuro che sono buoni anche 3 giorni dopo, se li conservate in una scatola di latta.








martedì 27 ottobre 2020

Cannelloni con zucca e spinaci per il club del 25...

Mi mancava il club del 27, e dopo qualche puntata di riposo per le vacanze, (che in realtà non ho fatto) si ritorna con una sfilza di ricette stupende e di stagione, perche l'autunno e uno di quei periodi che ci può sembrare triste, ma che con se ci porta delle bontà uniche, come la zucca!

Le ricette da scegliere questa volta, sono state prese dal Passiamole in rivista: La zucca dell'MTChallenge e tra tante, una più buone dell'altra, ho scelto da rifare i cannelloni di zucca e spinaci di Anna Calabrese.

Per tutte le altre ricette le potete trovate qui ...e zucca sia!!!!


Cannelloni di ZUCCA e spinaci



Ingredienti per 4 persone

 

400 g zucca, preferibilmente tipo violino, tagliata a fette

200 g di spinaci surgelati e scongelati 

200 g di ricotta 

12 cannelloni* 

700 g di salsa di pomodoro 

60 g di cheddar, grattugiato grossolanamente 

40 g di parmigiano grattugiato 


Preriscaldate il forno a 180°. Disponete la zucca su una teglia foderata da carta forno e cuocetela fino a quando non diventa tenera. Sfornate, schiacciatela e se è necessario scolatela se vi sembra tropo liquida e lasciate raffreddare. 

Spremete il liquido in eccesso dagli spinaci e tritateli grossolanamente. Amalgamate bene gli spinaci con la ricotta e la zucca e regolate di sale. 

Riempite i cannelloni con il composto di zucca. Io avevo della sfoglia   

Distribuite metà della salsa sul fondo di una teglia, disponete i cannelloni sopra e ricoprite con la restante salsa. Cospargete con cheddar e parmigiano. 

Coprite con un foglio di carta da forno e infornate a 180° per 35 minuti, quindi scoprite e continuate la cottura per ancora 20 minuti. I cannelloni dovranno dorarsi. 






note

* se come me vi rendete conto all'ultimo minuto, che non avete dei cannelloni di riempire a portata di mano, provate con la sfoglia fresca per lasagna e riducendo il tempo di cottura da 25 minuti coperti e 10 scoperti. Non è stata una scelta pianificata ma il risultato è stato più che soddisfacente!