sabato 28 luglio 2012

Gelato ai FICHI, mandorle e uvetta al rum...

...anche se a me il gelato non piace!
E freddo, dolce e mi anestetizza la bocca. Mi viene una voglia matta di bere dell'acqua e quando la bevo non ne sento neanche il sapore. 
Adesso, è inutile che dite che l'acqua è insapore, o che sono strana perche non mi piace il gelato, mi spiace ma è proprio così! 
Pensate a quanto è buono un bel bicchiere d'acqua fresca quando si ha tanta sette... e bene, a me il gelato fa venire sette, ma il più brutto è che poi, bevo l'acqua e non la sento! 
Niente, il gelato a me non piace.
Tutto al contrario della familia del mio cozzaro. Loro il gelato lo amano! Sono gelatodependenti, e io a questo non ci ho pensato quando gentilmente, ho offerto a loro un assaggio di questo mio sperimento/lezione, di cucina mensile...




...e si, perché la Mapi ci ha pensato bene, e questo mese, essendo la vincitrice del MTC ha confabulato con le donne del Menu turistico e ha deciso che il gelado era proprio addato alla sfida di questo mese di luglio.
Grazie Mapi. 
Lo dico d'avvero! 
Grazie! Perché mai, e poi mai, avrei avuto la sana idea di fare il gelato a casa. Anche se devo dire che una mezza idea mi era venuta qualche mese fa, spinta dal cozzaro a comprare una gelatiera (che poi non ho preso). A lui e ai suoi il gelato piace, assai! (l'ho già detto, ma piace in modo spaventoso...!) a punto, loro la gelatiera sicuro che ce l'hanno! E infatti me l'anno prestata, e anche se era nuova e mai ne ho fatto funzionare una, vi posso assicurare che è una cavolata. E se mai ne faccio un'altro di gelato, sicuramente lo faccio a mano. Non voglio un'altro ingombro in cucina se posso farlo senza.
Bene, detto questo, vi lascio con il mio gelato ai fichi, mandorle e uvetta al brandi, accompagnate con cialdone a rete al sapore di cafe spezziato, che non sono risultate tanto dolci ma che hanno accompagnato il gelato benissimo! 
Anche se io non ho voce in capitolo, una cucchiaiata l'ho assaggiata, al contrario dei miei suoceri che non ne hanno tenuto abbastanza e che si sono offerti a fare di cabbia, nel caso mi passasse per la mente di fare altro gelato... : come questo però! Hanno detto. 
Il cozzaro invece, ha fatto una riverenza mentre diceva: non aggiungere niente altro, lo sciropo al caffè che avevi in mente, lascialo stare!!!!  
E io ho seguito il consiglio del esperto... (si fa per dire), ma guidata dalle minuziose spiegazioni dalla super Mapi (e qui non si fa per dire... andate a controllare da lei!)


Ingredienti
(ho fatto metà, dalle dosi date dalla Mapi per il gelato alla mela)
Per la crema inglese:
250 ml. di latte fresco intero
100 gr. di zucchero semolato
3 tuorli di uova grandi
1 baccello di vaniglia


Per la crema ai fichi:
250 gr. di polpa di fichi, maturi (li ho pesato una volta pelati)
1/2 cucchiaino raso di scorza di limone grattugiata
2 cucchiai d'acqua
1 cucchiaio di zucchero mascovado
15 gr. di mandorle tostate e tritate (molto fine)
15 gr. di uvetta
un "dito" di brandi
(+ lamelle di mandorle tostate)


Per le cialde a rete:
100 gr. di farina
1 cucchiaio di zucchero mascovado
1/2 cucchiaino di caffè (macchinato)
1/2 cucchiaino di cacao in polvere
un pizzico di cannella
un pizzico di noce moscata
1 cucchiaio d'olio di mais
4/6 cucchiai d'acqua


A - Procedere con la crema inglese, mettendo meta baccello di vaniglia (aperto) in un pentolino con il late e metà dello zucchero, mescolare bene e mettere sul fuoco portandolo quasi ad ebollizione. Mentre montare l'altro zucchero con i tuorli fino che diventa una cremina gonfia e liscia. Versare il latte a filo, nella cremina mescolando con la frusta. Riversare nel pentolino e fortare sul fuoco per fare addensare (quando arriva ai 85 °C. o pure provando quando il dorso del cucchiaio sembra velato). Togliere dal fuoco e immergere in una vaschetta con acqua giaccio e non smettere di mescolare in modo di abbatterne rapidamente la temperatura. Togliere il baccello di vaniglia e trasferire in un baratolo a chiusura ermetica e mettere in frigo per 1 ora minimo (io tutta la notte).

BMettere l'uvetta a bagno nel brandi con qualche cucchiaio d'acqua, deve idratarsi bene e gonfiarsi. 
Schiacciare la polpa dei fichi. Metterla in un pentolino insieme allo zucchero, l'acqua e le mandorle tritate a polvere mescolando in continuazione mentre cuoce, fino che diventa una specie di purea. Anche qui abbatterne rapidamente la temperatura ( vaschetta con acqua giaccio...), incorporare l'uvetta sgocciolata e strizzata, amalgamare e trasferire in un baratolo ermetico e mettere in frigo (anche qui, io tutta la notte).
L'indomani...
Ho mischiato i due preparati e versati nella gelatiera, mesa in funzione per 20 minuti. Dopodiché ho versato l'impasto in una vaschetta e riempito a circa 6 mm. dal bordo, poi coperto con un pezzo di carta a forno tagliato su misura! Messo in freezer.

C - Per le cialde: amalgamare tutti gli ingredienti e impastare a mano per qualche minuto, coprire con della pellicola e farla riposare nel frigo per 1 ora.
A questo punto, purtroppo, ho dovuto accendere il forno (a 180 °C.)

Tirare la pasta alta 2 mm. fare del quadrati 8x8 cm. più o meno, e passare con il rullo di tagliare la frolla a rette ( che non so come si chiama ma che ho cercato per mesi...!) aprirli in modo di creare la rete e disporli su una placa da forno, foderata con della carta. Cuocere per 15/20 minuti.




Come servire il gelato ai suoceri (nonché, provare a fare qualche foto decente...) 
Togliere la vaschetta di gelato 20 minuti prima dal freezer e passarla al frigo.
In una padella tostare delle mandorle a lamelle e fare raffreddare.
Servire in un piattino, appoggiarci una cialda a rette e sopra adagiare 3 palline di gelato ai ficchi, poi lasciare cadere una manciata di mandorle tostate, queste sono state decisive a parere di tutti per il contrasto di morbido/crocante, e via a scattare subito un paio di foto!


Suoceri e cozzaro felici, perche li è piaciuto tanto, ma un po' delusi... perche era poco!
Mapi, Alessandra e Daniela, questo è il mio primo gelato, e come sono ottimista può darsi che non sia l'ultimo! Ecco, magari non sarà per questo MTC, visto i miei tempi!!!






28 commenti:

  1. Questo lo sento che è BBBono!!! :-)

    RispondiElimina
  2. Gulp! Non ti piacerà il gelato però hai tirato fuori un capolavoro! :)

    RispondiElimina
  3. Questo è fortemente da assaggiare!!!!

    RispondiElimina
  4. per una che non ama il gelato, realizzare un capolavoro del genere significa GRANDE PROFESSIONALITA' e soprattutto AMORE per il cozzaro con annessi e connesi!!
    Strabravissima come sempre!!

    RispondiElimina
  5. Wow, il gelato più issimo che abbiamo visto, superlativo che gli calza a pennello! Siamo sbavando per rendere l'idea!
    Un bacione da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  6. Ciao! accipicchia che buono questo gelato! tra fichi, uvetta e rhum...non possiamo proprio resistere neanche noi!
    bacioni

    RispondiElimina
  7. Grazie 1000 per i vostri "dolci" commenti!

    RispondiElimina
  8. Avevo pensato anche io ad un abbinamento del genere, ma siccome il fico di mia suocera non era ancora pronto, non l'ho realizzato.... ma conservo la ricetta per quando avrò i suoi succulenti fichi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! Sicuramente i fichi di tua suocera saranno deliziosi!!
      Io credo che lla rifaccio ma a questo punto raddoppio le dosi, così accontento tutti!

      Elimina
  9. A me il gelato piace ma non sono una di quelle che impazzisce x lui e posso anche farne a meno. Anche io quando lo mangio devo assolutamente bere!!! Mi viene una sete tremenda e l'acqua che bevo sembra caldissima e non mi disseta!!! Quindi ti capisco!!!
    Ma ragazza, hai creato una versione davvero originale e golosa!!!! Non si puó evitare di assaggiarlo!!! E che cialde!!!! Brava davvero!!!
    Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Morena! Sono contenta a non esedre da sola a pensarla così sul gelato... Ma è vero, un assaggino si deve fare!
      Besos

      Elimina
  10. ...E con questo mi hai definitivamente stesa.
    Asfaltata.
    E meno male che non ti piace il gelato, se no che cosa avresti tirato fuori?????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speeeee! Ho fatto soltanto quello che mi è passato prima per la mente... Sai, le prime idee sono sempre da ascoltare, e poi il cozzaro mi ha dato una mano in quanto a sincerità...!
      Grazie Mapi, besos!

      Elimina
  11. mai, anche a me il gelato non fa impazzire, ma posso dirti che con il tuo entro a far parte della famiglia del cozzaro? è stupendo e ne mangerei volentieri una mega porzione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie! E poi vedo che il gelato piace, ma con moderazione... Certo che assaggiare non fa mai male, e poi i miei suoceri ne sanno qualcosa, anche tu!

      Besos

      Elimina
  12. Che spettacolo... adoro la cialdina! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maddelaine! E vero le cialde a rete sono molto coreografiche e croccanti, peccato che il giorno dopo la croccantezza è sparita... non le ho conservate bene!

      Besitos

      Elimina
  13. mai deve esser squisito e le cialdine son davvero troppo fiche ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D grazie Erica! Un pò laboriose se non hai mai utilizzato quella spezie di rullo (come è successo a me) ma e vero, l'effetto è molto coreograFICO!

      besos

      Elimina
  14. a gara finita, lo possiamo dire: quando si è parlato di vittoria al fotofinish, ti dovevano fischiare le orecchie. Le tue e quelle del cozzaro.
    Un capolavoro, Mai, assolutamente un capolavoro.
    anzi, da ora in poi cercheremo solo ricette che NON ti piacciono, se i risultati son questi :-)
    Strepitosa, come sempre
    ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sapessi cara Alessandra... adesso, anzi dopo, al rientro delle vacanze, torno carica di crema catalana..., nonche di fichi, e faccio 3 kili di questo gelato per la famiglia del cozzaro (con fichi mi riferivo a quelli da mangiare...)


      besos e buone vacanze!
      (ma falle veramente, capito?)

      Elimina
  15. mamma che buono!!! deve essere una goduria! mi piacerebbe tanto provarlo, hai avuto un'idea fantastica nel combinare i sapori!

    complimenti per il blog, l'ho scoperto da poco per caso ma ho già sbirciato altre tue ricette, tutte bellissime! brava! e poi mi piace molto il nome del blog perchè adoro la curcuma eheh
    mi sono anche aggiunta ai lettori fissi :)
    da pochissimo ne ho uno anch'io, passa a visitarlo se ti va!

    a presto,
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Michela! Passo a trovarti di sicuro!
      Sono contenta che anche tu sia una patita di curcuma, perche fa benissimo!

      a presto, besos.

      Elimina
  16. ciao, sono approdata al tuo blog grazie a google,sei l'unica ad aver postato e realizzato la ricetta del tronchetto di creeps di montersino. ed e' proprio al riguardo che spero tu possa aiutarmi.Ho problemi a comprendere come assemblare il dolce.pensavo fosse un unico tronco grande, fatto con una grande creep. ho letto però che di 12creeps, quindi si tratta di lavorare su dodici monoporzioni? e questo significa tagliare la parte centrale (congelata)in12 tronchetti e assemblare le creeps?Oppure si stendono tutte le creeps vicine e si lavora su un unico tronchetto? spero di essere stata chiara e spero tu possa aiutarmi.
    Confido nella tua disponibilità ;)
    Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angelaaaaaa! ti rispondo qui... no mi hai lasciato il tuo indirizzo!
      Prima di tutto ti ringrazio di essere passata e vediamo se ti posso aiutare.
      Io le dosi le ho dimezzate, come ho detto nel post, perche quelle di L.M. mi sono sembrate quantità industriali a mio vedere! Pensa che dimezzando le dosi ho fatto un tronchetto di 7/8 porzioni!... Non devi farne 12 di tronchetti ma solo uno, come dici tu stendendole vicine. A me, le 6 crepes mi sono sembrate pure tante e così una l'ho usata per arrotolare anche il cuore del tronchetto.
      Per me, la cosa più problematica è stato proprio questa, il cuore del dolce, perche mi è sembrato tropo morbido per arrotolarlo solo con la carta trasparente, così ma me la sono ingeniata congelandolo dentro un bicchiere "flaute" di plastica.
      1- stendere le crepes una affianco l'altra un pò sopraposte, formando un quadrato.
      2- spalmarci sopra la mouse gianduia
      3- disporre le strisce di biscotto, per il lungo
      4- adagiare il cuore di dulce de leche e bananna (che io ho anche arrotolato a una crepe)
      5-arrotolare il tronchetto e disporre nel congelatore...

      In fine, dopo tutte le peripezzie, il risultato è stato una delizia!
      spero essere stata di aiuto :)

      http://ilcoloredellacurcuma.blogspot.it/2012/02/tronchetto-di-crepes-mousse-al-gianduia.html

      Elimina
    2. sei stata cortesissima, pensa che ancora non l'ho fatta questa ricetta, ora con le tue indicazioni potrò sperimentare....e sto prendendo molti spunti qui per la mia prossima cena tra amici ;)
      Angela (angebound@libero.it)

      Elimina
  17. qualcuno sa dirmi ricetta gelato alla curcuma grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai fatto il gelato alla curcuma, ma credo che per me sarebbe una scommessa su che puntare, non credi Anonimo?
      Mi hai messo la curiosità, magari aspetto adesso con il bel tempo...

      Elimina