mercoledì 25 maggio 2016

IL CHEESECAKE per l'MTC e due gioielli di famiglia...


Questo mese la blogosfera culinaria è stata invasa da un esercito di cheesecake. capitanato da Fabio e Annalù sotto lo stendardo dell'MTC
Questa coppia, dolce e simpatica come pochi, è conosciuta anche come Assaggi di Viaggio, cosa che m'incuriosisce parecchio, perché in pratica viaggiano assaggiando o assaggiano viaggiando? 
Certo è che la passione per la cucina e la ironia non gli manca e questa sfida, che li vede in prima linea, sarà ricordata di sicuro!!! Per quanto mi riguarda sostengo che sono dei miti, perché solo grazie a loro sono stata capace di assaggiare la ricotta!!! (non mangio il formaggio se non è nascosto…)
Questo mese la comuniti dell'MTChallenge, poteva presentare 3 proposte di cheesecake, sia in versione dolce che salata. Io ho deciso di farne una e una, la terza me la tengo nella anticamera del cervello, non si sà mai… e sappiate che ce ne sarebbe stata pure una quarta e anche una quinta, perché questa volta le idee non mancavano. 
Vi posso assicurare che una volta imparate e tenute ben a mente le basi e il procedimento (qui) nonché memorizzando le regole del gioco (qui) le idee, sono state tante, perché la cheesecake è una torta molto versatile e di "porcafigura" come direbbe qualcuno… 

Quella che mi è venuta in mente per prima, per non smentirmi, (io non amo i dolci) è stata quella salata. 
Subito ho pensato a lei… la Parmiggiana, e di conseguenza alla mia amica Sara e la sua Mui! Perché per come la penso io, come loro non la fa nessuno, oserei dire che è uno dei loro gioielli di famiglia!
In realtà non ci ho pensato a lungo, anzi, quando vedo in mente una cosa, le mani lavorano da sole. Avete presente una di quelle stampanti a 3D? Ecco assomiglio a una di loro.

Lo stesso per l'altra versione, quella dolce. Ho subito deciso che volevo fare una cheesecake ispirata ai biscott-olio, perché sono diventati un must a casa Esteve Bellocchio. Ormai è una di quelle cose che faccio a occhi chiusi e che ci piacciono tanto. Così avrei preparato anche i biscotti per la base della torta!

E come già ho detto altre volte, e vedrete nel post, non va sprecato nulla, ne la buccia delle melanzane ne quella delle carote!





IL CHEESEparmigianaCAKE



Ingredienti per 2 persone
(2 mini stampi da 9 cm l'uno)

per la base
100 g di taralli semplici
35 g di burro fuso
1 spicchio d’aglio

per il «cheese»
200 g di ricotta
1 melanzana (piccola)
150 ml di latte
50 g di parmigiano regiano gratigiato
1 cucchiaio di prezzemolo trittato
1 spicchio d’aglio
2,5 g di agar agar
olio evo e sale qb

per il toping 
250 ml di passato di pomodoro (senza semi)
basilico a piacere
2 cucchiai d’olio evo
1 cucchiaino di zucchero mascobado
pizzico di sale
1,5 g di agar agar

per la decorazione
la buccia della melanzana
olio evo qb (per frigere) 


Prendete i taralli e tritateli. Se siete un po' incavolati vi assicuro che questa pratica vi gioverà! Potete sfogarvi su di loro! 
Tritateli come più vi piaccia, martello, matarello, batti carne, fin che otterrete una polvere grossolana. 
Se invece siete in pace con voi stessi e con il resto del mondo, potete semplicemente tritarli con il robot da cucina. Sciogliete il burro in un padellino e fatelo insaporire con l'aglio fatto pure. Mescolate alla farina di tarali e con l'impasto foderate la base dei due stampi. Riservate nel frigo.

Lavate bene la melanzana, asciugatela e privatela della buccia facendo attenzione in modo di ottenere delle bucce sottilissime, da quali ricavate delle striscioline sottilissime quasi come dei fili per poi friggere in padella con abbondante olio. Una volta fritte trasferitele su della carta assorbente in modo che lascino andare l'olio in eccesso. Mettere da parte.
Nella stessa padella fatte insaporire l'olio con l'aglio, toglierlo e friggeteci la melanzana, fatta a dadini piccoli, salate e cuocete fino a che comincia ad imbiondire, insaporite con il prezzemolo e retinate dal fuoco.
In una bacinella amalgamate la ricotta e il partigiano. Scolate la melanzana e aggiungetela, date una passata veloce di minipimer. 
Scaldate il latte in un pentolino con dentro sciolto l'agr agar e portate a ebollizione, cuocete delicatamente per 3 minuti, poi versate nella ciotola con l'impasto e amalgamate per bene.
Versate nello stampo, direttamente sulla base di tarali facendo cura che la superficie sia liscia e livellata, dopodiché rimettete di nuovo in frigo.


Preparate il toping. In un pentolino cuocete la passata di pomodoro con due cucciai d'olio evo, quando comincerà a ridursi aggiungete un cucchiaio di cognac e fatte sfumare, poi aggiungete lo zucchero e un pizzico di sale, cuocete per altri 5 minuti e poi aggiungete qualche foglia di basilico, ancora altri cinque minuti e aggiungere l'agra agar mescolando per benino e lasciando sobbollire per altri 3 minuti senza lasciare di mescolare. Ririrare dal fuoco e dopo un paio di minuti (non deve essere volente) versatelo uniformemente e equamente su ambi stampi sopra l'impasto di ricotta e melanzana. Far raffreddare qualche secondo e rimettere nel frigo, fino al momento di servire, minimo dalle 3 alle 4 ore.
Al momento di servire togliere dallo stampo con cura e decorare con i fili di melanzana fritta e qualche foglia di basilico.







IL CHEESECAKE biscott’olio 
al cocco e carotte




Ingredienti per 1 stampo di 18 cm

per la base
100 g di biscott’olio (qui)
30 g di burro fuso

per il «cheese»
225 g di ricotta
150 ml di latte di cocco
25 g di cocco grattugiato 
75 g di zucchero a velo
2,5 g di agar agar

per la "pasta dolce di carote"
100 g di polpa do carota (lo scarto della centrifuga)
succo e buccia grattugiata di mezzo limone biologico
175 g di zucchero semolato
3 cucchiai d'acqua
1 cucchiaio di aceto di mele 

per il toping 
175 ml di succo di carote (3 carotte aprox.)
1 cucchiaino di zucchero mascobado
50 g  di zucchero a velo
1,5 g di agar agar

per decorazione
20 g di mandorle a lammele (tostate)
125 g di zuchero
1/4 della della pasta dolce di carote (per dare le paline)

La stessa cosa che per i taralli... ma anche i poveri e simpatici biscott'olio non hanno fatto male a nessuno (a fatto che tu non te ne sia mangiato un quintale...)
Tritateli e amalgamateli al burro fuso, poi disponete sulla base della tortiera (mi raccomando sempre a cerniera!) e livellate, magari con una spatola o cucchiaio, in modo di uniformare a fine che diventi liscio, poi conservate in frigo.
Lavate benissimo le carote e asciugatele, passatele nella centrifuga e aggiungete una spruzzata di succo di limone al succo che avete ottenuto e conservate in frigo pure questo, meglio dentro di una bottiglia o baratolo col tappo.
Con gli scarti, o polpa, delle carote fare una specie di pasta, aggiungendo dello zucchero, l'acqua, il succo e la buccia grattugiata di mezzo limone e cucendo per una trentina di minuti, mescolando spesso. Tenere al caldo e non farla raffreddare troppo.





Usate una bacinella e mescolateci la ricotta e lo zucchero a velo, amalgamandoli bene.
In un pentolino scaldate il latte di cocco, aggiungeteci il cocco grattugiato e mescolateli bene, poi ritirate dal fuoco e scioglieteci l'agar agar. Versate questo composto nella ricotta e amalgamate il meglio possibile. Trasferite tutto nel pentolino e cuocete facendo sobbollire per 4 minuti senza smettere di mescolare dolcemente. Ritirate dal fuoco e versare nello stampo sopra la base di biscott'olio, livellate e preparate la sac a poche riempiendola con la pasta dolce di carote. Iniettate delle strisce (in senso verticale) dentro l'impasto ancora morbido e controllate che non fuoriescano.
Sciogliete lo zucchero a velo e l'agar agar nel succo di carota e cuocetelo in un pentolino per 5 minuti facendolo sobbollire,sempre senza smettere di mescolare dolcemente. Ritirare dal fuoco e dopo qualche secondo versare sullo stampo sopra l'impasto di ricotta ormai rappreso, facendo attenzione a che venda ben liscio per dare la sensazione di specchio. Rimettere di nuovo nel frigo per almeno 4 ore prima di servire.
Decorare con delle filamenti o ghirigori di zucchero caramellato e lamelle di mandorle tostate, e anche qualche pallina di pasta dolce di carote ricoperta sempre di zucchero caramellato. 




In un pentolino portate a ebollizione lo zucchero, dolcemente e senza mescolare. Una volta diventa marrone vivace dare una mescolata e spegnere il fuoco. Fare delle paline grandi come una nocciolina con la pasta di carote e infilzarle in un stuzzicadenti in modo di farle rotolare dentro lo zucchero caramellato tenendole dall'altro stremo dallo stuzzicante, farle raffreddare.
Versare a filo lo zucchero ancora caldo su un foglio di carta da forno, con sopra delle mandorle tostate. Una volta freddi, i ghirigori si stacano facilmente e sono pronti per la decorazione!





note:
1. ho voluto provare con l'agar agar, come addensante, al posto della gelatina o cola di pesce. Per le proporzioni, ho usato per 250 ml o 250g 1,5 g di agar agar. Visto che la mia bilancia non è di alta precisione ho usato delle bustine confezionate, già dosate da 1,5 g. 
Da tenere in conto che dopo aver aperto una confezione di l'agar agar, dopo 6 o 7  mesi, il potere addensante cambia, diminuendo considerevolmente, perciò in tal caso vi toccherà raddoppiare la dosi. 

2. con le dosi date per la crema dolce di carote ve ne avanzerà un quarto più o meno, ma la potrete conservare, dentro un baratolo chiuso, in frigo, per almeno 2 settimane. 




e con queste due Cheesecake partecipo alla 57à sfida del MTC!
Grazie coniugi d'Amore&Vignardi! E sappiate, che questa è la prima volta, in 46 anni, che mangio il formaggio in un dolce... tutto colpa vostra!
E anche così non posso fare altro che ringraziarvi di cuore, 
perché ho capitto che la cheesecake... può anche piacermi ;)




27 commenti:

  1. Io farei vincere te, per la cura la precisione la genialità con cui impreziosisci tutto quello che fai! E poi le buccine di melanzana, bei ricordi! Ah, Mai, ti ringrazio a nome di un amico che fa e rifà continuamente la tua torta salata con le sardine <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cecilia sei tropo carina con me!!! Lo sapevi che ti ho pensato vero per le buccine di melanzane, vero? Come dire... sono stato il nostro legame definitivo!!! Proprio lì ho capito quanto sei brava e precisa, che per quelle strisce di melanzane hai provato di verse tecniche per tagliarle... guarda ricordo tutto di quel giorno, di quei giorni!!!
      E dile al tuo amico che lo amo già!

      Elimina
  2. Mai, sono spettacolari entrambi, davvero geniali! Anch'io in genere propendo per il salato, ma ti dirò che in questo caso la scelta è davvero ardua: l'idea delle palline di pasta di carota è fortissima! Complimenti anche per l'estetica, hai creato due piccoli capolavori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie1000 Giulia! E si... il salato mi fa più gola del dolce ma in ambi casi ho peccato... e gli ho assaggiato!!!
      Sai che mi hai messo il dubbio, se non sarebbe il caso di mostrare una foto con la crema dolce di carote, tanto per rendere l'idea?!!!

      un beso

      Elimina
  3. Grande Mai sono spettacolari entrambe, forse preferisco un po' più quella dolce per la maestria con cui hai fatto il caramello e quelle sferette di pasta di carote, per poi non parlare delle foto con grafica che mi affascinano sempre
    Ciao Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manu, sapessi che poi mi riducco sempre all'ultimo secondo per fare il disegno sulla foto... di fatti mi chiedevo se aggiungere una foto della pasta di carote, come dicevo a Giulia, in questo modo si capirebbe di più la consistenza...
      Ti ringrazio e ti mando un abbraccio!

      Elimina
  4. Maaaaah vero Incantooooo!!!! Complimentissimissimi!!!
    Due ricette una più buona dell'altra direi! Tanta tanta ammirazione!!!
    Un caro saluto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wowwww! Ma grazie Cristina!
      Ormai all'MTC ci siamo abbituati al bis di proposte e devo dire che la scelta della cheesecake di Annalu e Fabbio si presta a una balanga di proposte!!!

      un beso!

      Elimina
  5. 2 gioielli veramente, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisaaaaaaa! Proprio così... due gioielli, anche per le dimensioni mignone!
      Grazie e bacci!

      Elimina
  6. MITICAAAA! non c'è dolce nè salato che tenga, tue sei oltre in ogni caso! e i disegni sono speciali... :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francyyyyyyyy!!! Detto da te non sa quanto piacere mi fa!!!
      Besossssss tanti tanti!!!!!

      Elimina
  7. E meno male che le hai fatte anche ad occhi chiusi o come le stampanti 3d! Dove sei in vendita? :-D Io già ti adoravo prima, ma poi mi presenti due ricette una più bella dell'altra. Da una parte, la parmigiana, uno dei miei piatti preferiti in assoluto, dall'altra, il dolce, goloso, bello ed elegante. Ed io come faccio a scegliere? Infatti non scelgo mica! Prima il salato e poi il dolce. E nessuno è più felice di me!
    Grazie!

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora anche tu faresti stragge per una parmigiana?(una teglia intera intendo....) io si! che poi diciamolo... ho una fissa per le melanzane da piccola! Di fati la terza versione, adesso lo posso dire era melanzane e cioccolatto!
      Grazie a voi di questa sfida e adesso...cheesecake come se piovese!!!!

      besoa

      Elimina
    2. allora anche tu faresti stragge per una parmigiana?(una teglia intera intendo....) io si! che poi diciamolo... ho una fissa per le melanzane da piccola! Di fati la terza versione, adesso lo posso dire era melanzane e cioccolatto!
      Grazie a voi di questa sfida e adesso...cheesecake come se piovese!!!!

      besoa

      Elimina
  8. sei un'artista è questo di si vede in tutto quello che fai. mi spiace solo di non vederti stasera, magari la prova assaggio con Annarita la facevo pure io. Non dico di più, le rifarò sperando che vengano belle anche solo un po' come le tue.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrà dore che la prossima volta ci organizziamo con tempo e facciamo la giornata "assaggi" il viaggio srà quello minimo di trovarci a metà strada, o pure da noi o da voi!
      Besos grande donna!

      Elimina
  9. I tuoi gioielli sono opere d'arte sia prima che dopo la post-produzione! Complimenti davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisa"
      E sapessi quanto è liberatorio e divertente liberarsi ognitanto dei props?

      un abbraccio

      Elimina
  10. I tuoi gioielli sono opere d'arte sia prima che dopo la post-produzione! Complimenti davvero!

    RispondiElimina
  11. Sono uno più bello dell'altro....! Non saprei quale scegliere, sono magnifici...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow! Per farti decidere ti offrirei un assaggio di tutti e due!

      besos

      Elimina
  12. L'altro mese ho rifatto i biscott'olio. Il prossimo dovrò rifarli e trasformarli in questo cheesecake. Ps. in casa ho già tutto!
    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaia non sai quanto mi faccia felice questa cosa!!!! Grazie immense!

      besos!

      Elimina
  13. Dici di essere portata più per il salato e poi fai dei dolci meravigliosi!
    Partiamo dall'inizio: il tuo cheesecake salato mi ha fatto impazzire! l'idea di trasforare la parmiggiana in un cheesecake è stupenda e tu l'hai realizzato anche alla perfezione!
    Passiamo al cheesecake dolce...vogliamo parlare della carote in pasta che legano alla perfezione con le mandorle o cpn il latte di cocco o della decorazione o della consistenza?
    Mai sei unica e grande ed io sono felice di essere tua amica :-*
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Annalulu! Ma quella felice sono io per essere amica vostra e per avermi insegnato a fare un cheescake come si deve, sia dolce che salato (io non l'avrei mai fatto se non era per voi e l'MTC), adesso questa nuova acquisizione culinaria me la tengo stretta e la metterò in pratica spesso! Grazie a voi!
      besos!!!!

      Elimina
  14. Materiale per un'altro libro

    RispondiElimina