mercoledì 19 febbraio 2014

STRUDEL pere cioccolato e noci…


lo strudel è un dolce che amano tutti. E già! 
Me ne sono resa conto pochi giorni fa, quando super Mari Lasagna pazza, l'ha proposto come sfida del MTC!! Perché è stata lei a vincere questa volta con la sfida dello spezzatino!
E chissà perché, un dolce ci stava. Non poteva essere un'altra cosa, perché in mente mi viene soltanto il detto "una dolce vendetta" o pure "la vendetta è un piatto che si serve freddo"... come per dire che prima  poi anche suo marito (vincitore di un altro MTC che riguardava sempre la carne) dovrà aver pazienza per tutte queste notti insonne, per tutti questi giorni stressanti nei quali sopporterà e tacerà, perché lei questo mese è la regina, lei questo mese ha in mano lo scettro del MTC
Ed io l'ammiro e sostengo tanto, come si fa tra mogli con mariti che troppo spesso ci invadono la "nostra scuola di cucina virtuale" (e pure vincono...)!
Dopo questa non potevo fare altro che provare la ricetta proposta di Lasagna pazza sia in versione dolce che salata. Perché ci tengo a farle superare il record di ricette questo mese!




STRUDEL pere, cioccolato e noci…
con mouse di ciocolato salato


Una cosa è chiara, io il cioccolato lo metto dappertutto, lo metto nella carne, nel pesce... qui non poteva mancare!


Ingredienti:

per la sfoglia
150 g di farina 00
100 ml di acqua
1 cucchiaio d'olio extra vergine d'oliva
1 pizzico di sale


per il ripieno
650 g di pere kaiser  (4 abbastanza grandi )
45 g di noci
80 g di zucchero mascobado
50 g di cioccolato fondente (cacao  al 78%)
3 cucchiai di rum scuro
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
una noce di burro per spennellare la sfoglia
zucchero a velo e cacao amaro in polvere q.b.



per la mousse
100 g di cioccolato fondente dark ( cacao al 88%)
2 uova (da galline senza gabbia)
35 g di burro
1 cucchiaino di zucchero mascobado
un pizzico di sale







Preparare la pasta (io paro paro quella proposta da Mari)
Scaldate l’acqua, deve essere abbastanza calda ma non bollente. Setacciate la farina in un recipiente, aggiungete il sale e l’olio e versate a mano a mano l’acqua calda mescolando. Quando la farina avrà assorbito tutta l’acqua, togliete l’impasto dal recipiente e cominciate a lavorarlo con le mani su una spianatoia per un paio di minuti, fino ad ottenere un impasto morbido, quasi appiccicoso ma che comunque non resta attaccato alla spianatoia o alle dita. Mettete l’impasto a riposare, coperto da un panno umido o da una pellicola, per circa mezz’ora. Nel frattempo accendete il forno e portatelo alla temperatura di 180°C, modalità statica.

Prepare il ripieno. Lavare e sbucciare le pere, farle a fettine sottili e condirle con metà dello zucchero amalgamandole dentro a una ciotola. Aggiungerci i pezzetti di noce tritati grossolanamente, lo stesso per il cioccolato e amalgamare il tutto una volta versato dentro il rum.



Stendere la sfoglia (anche qui paro paro a quella proposta da Mari)

Mettete una tovaglia pulita (possibilmente lavata con sapone neutro e ben sciacquata), di lino o di cotone, sopra a un tavolo. Infarinate leggermente la tovaglia, prendete l’impasto e cominciate ad appiattirlo con le mani sopra alla tovaglia, quindi spianatelo aiutandovi con un mattarello. Quando la sfoglia comincerà ad essere abbastanza sottile mettete da parte il mattarello, sollevate la sfoglia dal tavolo aiutandovi con le mani e, tenendola con le nocche nella parte sottostante, cominciate a tirarla verso l’esterno facendola girare ogni tanto e facendo attenzione che non si rompa. La sfoglia deve diventare praticamente trasparente. Riponetela nuovamente sulla tovaglia, dovreste aver ottenuto una sfoglia quadrata di circa cinquanta centimetri per lato. Siccome i bordi saranno rimasti un po’ più spessi, passate con le dita lungo tutta l’estremità della sfoglia tirando la pasta per assottigliarla.





Cospargere sulla sfoglia lo zucchero rimasto distribuendolo il più omogeneamente possibile. Procedere con in ripieno lasciando un paio di centimetro liberi tutto intorno.
Con l' aiuto della tovaglia, cominciare a sollevare la sfoglia per arrotolarla sul ripieno.
Fare un giro e poi ripiegare i due lembi esterni in modo di non fare uscire in cottura il ripieno, continuate ad arrotolare fino alla fine.
Addagiare lo strudel su una teglia da forno (io con della carta) e imburrare la superficie dello strudel con il burro fuso e infornare per 30/40 minuti. Fare però molta attenzione al tipo di forno, come dice Mari, (e come dico sempre io perché a casa ne ho uno di alieno...) lo strudel deve diventare dorato e non tropo oscuro.





Per la mousse prepararla qualche ora prima, io anche il giorno prima. Fare sciogliere a bagno maria il cioccolato assieme al burro e il cucchiaio di zucchero. 
Montare le chiare a neve. Sbattere i tuorli e aggiungerli al cioccolato una volta si sarà raffreddato abbastanza in modo di non cuocere i tuorli. Amalgamare bene e aggiungere un pizzico di sale, poi trasferire in una ciotola capiente e incorporare le chiare a neve amalgamando dolcemente dal basso in alto. Coprire con della carta trasparente e conservare nella parte alta del frigo minimo 2 ore.

Servire una fetta di strudel con sopra dello zucchero a bello. Cospargere del cacao amaro sul piatto e accompagnare con una porzione di mousse al cioccolato salato.
...io sono andata di forchetta, voi?




Con questo STRUDEL partecipo al MTC di febbraio... che un febbraio non è... sembra piuttosto autunno! Ma comunque un dolce del genere ci stà bene e come!





14 commenti:

  1. Una vera e propria delizia!!!

    RispondiElimina
  2. Maiiiiii! Ma come faccio? Come?? Già dalla prima foto, vedendo quella mousse ho pensato "oh mammina saura! Vorrei averne la vasca piena e tuffarmici dentro!"
    Ecco. L'ho detto. Anzi scritto, ma me da igual tu strudel me encanta! :)

    RispondiElimina
  3. Ciao complimenti per il tuo blog !!!!!!!!!!!

    E per questa ricetta !!!!!!

    Mi sono iscritta tra i tuoi lettori !!!!!


    io gestisco da poco questi due blog

    http://foodwineculture.blogspot.it/

    http://aboutcookingandmore.blogspot.it/


    Se hai voglia di venire a vederli !!! :))



    Ti ringrazio !!!!!

    ciao !!! :))))

    RispondiElimina
  4. ho superato il sapore delle mele e con questo tuo strudel sono sicura che potrei superare anche quello delle pere, visto che non mangio neppure quelle, BRAVA!
    Baci

    RispondiElimina
  5. Versione tra le più golose e goduriose!
    Abbinamento di sapori perfetto e la mouse? Perfetta.
    Brava!!!

    RispondiElimina
  6. Una meraviglia, questo strudel! un ripieno che è una poesia di sapori, tutti ingredienti che sembrano fatti apposta per stare insieme e quella mousse così carica di cioccolato, da veri intenditori! foto spaziali, molto originali! tutto perfetto, come sempre! un bacione a te e a quell'incosciente di tuo marito!!!

    RispondiElimina
  7. oh. my. god.
    io voto questa, è semplicemente il top!!!
    io andrei di forchetta, di cucchiaino, direttamente di dita... ;))
    un abrazo y un beso

    RispondiElimina
  8. Mai, è davvero bellissimo! Qui si sente un bellissimo profumino, ma non lo diciamo a Leo? E poi io mi sento un po' fuori luogo tra questi mariti vincitori e mogli che meritano altrettanto.
    Bacioni a voi.

    Fabio

    RispondiElimina
  9. Cattivissima tu, ma hai tutto il mio appoggio per la "dolce vendetta" (io questo mese andrò contro tutto ciò in cui credo e ne ho in serbo una terza versione!)
    Amo le pere e il cioccolato e quel connubio perfetto che solo pochi ingredienti sanno creare, come delle affinità elettive, se poi ci aggiungi anche quelle piccole noci croccanti... invece di affinità elettive diventano LA MORTE SUA. :-)

    RispondiElimina
  10. Bellissimo accostamento pere e cioccolato (anche io ci ho provato ma con le mandorle) e la salsa al cioccolato salato.... un poema.
    Tu sei e resti sempre più che un passo avanti di tutti e correre non è il mio forte.
    A presto
    Nora

    RispondiElimina
  11. Intanto che meraviglia quelle kaiser!! Mi ero dimenticata di quanto fossero belle e mi sa che anche il ricordo del sapore comincia a svanire....Spettacolo puro, tutto quanto Mai: dal ripieno ricco alla mousse di accompagnamento al c'era una volta una forchetta parte seconda....

    RispondiElimina
  12. Mai, il tuo strudel è semplicemente godurioso!!! Questo è il primo pensiero che ho avuto guardandolo... :) Potrei mangiarlo tutto da sola :)D
    Un bacione

    RispondiElimina
  13. Carissima Mai, grazie mille per la solidarietà, questa volta mio marito se ne è stato bello zitto in un angolino e ha semsso di fare il superiore, non potrà più dire che lui ha vinto e io no :) Sai che non ci avevo mai pensato che abbiamo vinto tutti e due con un piatto di carne? Cosa vorrà dire?
    Sto girando intorno perchè non trovo le parole per descrivere il tuo strudel. Trovo che tu sia sempre più brava, ogni volta resto incantata davanti alle tue ricette, sempre così eleganti, raffinate, mai esagerate eppure sempre così geniali, con quel tocco tuo personalissimo e di carattere in ogni dettaglio. E soprattutto belle e solari come te, mai banali. Questo strudel dolce è la sintesi di tutto ciò, semplicemente perfetto, nella sfoglia, nel ripieno che hai ideato e in quella mousse pazzesca (e non mi vengono altri termini per definirla) che lo accompagna. Tu sei un genio! Grazie mille di cuore per questa tua proposta.
    Mari

    RispondiElimina
  14. siete le uniche due coppie che partecipano (separatamente: fabio e annalu giocano assieme) e ora avete vinto tutti e quattro. Se Cristian non fa la valigia nei prossimi giorni, regge anche il loro matrimonio- e volete mettere, che dura prova sia l'mtc? :-)
    Seriamente: che sei un genio te lo dico anch'io- e se non ci credi guarda questo strudel e questa mousse. In più, hai pure una tecnica da paura... anzi, diciamocelo: ormai, fai paura, ragazza mia... bravissimaaaaaaa!!!!

    RispondiElimina