venerdì 25 settembre 2015

I CROISSANT curcumesi ai semi

anche se inizialmente il titolo di questo post era tut'altro...

"io le corna? 
Si...!!!! Ma salate, da tutta la vita!"


...e bene, il cozzaro ha arrufato il naso, dicendomi che NON era tropo d'acordo, che era un titolo non tanto addato.... bla, bla,bla...

Al che io ho risposto: e che te lo faccio a chiedere? Daltronde il blog è mio e ci scrivo io,, epure anche male, lo so.! Ma so anche che voi avete una pazienza infinita. Ma oggi va così. Ho le corna girate, per dire... cominciando dal mattino che mi sono alzata in ritardo, dovendo fare una corsa da olimionica per non perdere il trenno, (la faccio tutte le matine e pure vi assicuro che quello che non perdo è il peso...n) il treno però a volte si... e allora?
Mi potrò consolare con mezzadozzina di croissant farciti? Salati ovviamente!
Perché sapete, mi è venuta il dubbio che L'MTC non vuole che perda un grammo, mi vuole curvi cosi come sonno. E  sopratutto la nostra Lou, (che ho sempre creduto fosse un nomignolo francese), che ha voluto farci conoscere i croissant proponendoli per questa 50essima sfida dell'MTC!!!
Siiiiii!l La cinquantessima, e si fa presto a dirlo... più che a farlo. Perche con questi croissant ci sono stata dietro 31 ore. E non scherzo. Ma l'ho presa con ottimismo e ho approfittato i tempi "morti" per fare altre cose, mentre loro lievitavano... e ce n'è voluto!
Poi ho capito che una delle ragioni era senz'altro la temperatura che c'era dentro casa, tipo polo nord
Ma n'è balsa la pena e come! Grazie Lou, ho sfornato dei croissant proprio come piacciono a me burrosi e salati! Proprio al contrario di quando ero piccola, che mi facevo passare per una bambina povera, dicendo agli altri bambini che i miei genitori non potevano darmi la merenda. In questo modo mi procuravo grandi abbuffate di merendine e dolci, ma sopratutto i croissant al cioccolato di quella bimba chiamata Gemma, la quale dopo è diventato la mia migliore amica! A costa della grande vergogna passata da mia mamma quando la madre di questa viene a casa nostra per vedere il grado di povertà.... e trovassi davanti a una bimba malata perennemente di acetone!!!!

Adesso quella bimba non sa cosa sia l'acetone, ed è passata da essere un scheletro a una donna curvi! Che va pazza per tutto quello che è salato.



I CROISSANT curcumesi ai semi 
farciti con salsa di carote e salsa di avocado, 
melanzane grigliate e soncino


E questa volta ho avuto delle cabie che non sono di famiglia, che possono testimoniare come erano, anche a distanza di due giorni dopo essere stati  sfornati. Vero Vanna e Caterina



Ingredienti per 10 croissant:

325 g farina 00, W300-330 meglio, se non possibile W350
75 g di farina integrale
220 ml latte
40 g burro ammorbidito a temperatura ambiente
30 g zucchero
4 g lievito di birra istantaneo
10 g sale
4 g aceto di vino bianco

200 g burro per sfogliatura
semi di sesamo e lino qb



(preso paro-paro da qui, dove senz'altro vi consiglio di passare a visitare, troverete tutte le spiegazione dettagliatissime non che dei video, sugeriti di Lou, se poi andate qui trovate una innografia fatta della meravigliosa Daniela di acqua e menta, che può salvarvi la vita, come è stato per me!)

In una ciotola sciogliete lo zucchero ed il sale con il latte e l’aceto.
A parte setacciate le due farine con il lievito di birra istantaneo.
Unite il burro, gli ingredienti liquidi a quelli secchi fino ad ottenere un impasto grezzo.
È importante che l’impasto non venga lavorato eccessivamente, in modo da evitare di sviluppare la maglia glutinica. Se ciò dovesse accadere vi ritrovereste con un impasto troppo forte che si strappa durante la fase della sfogliatura.
Formate un quadrato e avvolgetelo in pellicola alimentare. 
Fate riposare il panetto in frigo per 6 ore e se notate che l’impasto lievita dopo un paio d’ore sgonfiate l’impasto.

Poco prima di tirare fuori l’impasto preparate il panetto di burro schiacciandolo tra due fogli di carta da forno come mostrato nei video. Rimettete il panetto di burro nel frigo mentre stendete l’impasto.

Stendete l’impasto a circa 6 mm di spessore facendo in modo che sia largo poco più del panetto di burro e alto due volte l’altezza dello stesso.
Mettete il burro su una metà e richiudetevi l’altro lembo sopra e procedete con la piega a quattro (come la foto qua sotto).
Mi raccomando, siate pazienti e per la stesura dell’impasto, soprattutto la cosa di schiacciare con il matterello è importante, perché così non rischierete di strapparlo. Avvolgete l’impasto in pellicola alimentare e fate riposare in frigorifero circa mezz’ora.

Stendete il rettangolo, avendo cura che la piega sia alla vostra destra, tirandolo ad una lunghezza corrispondente a tre volte il lato corto e fate di nuovo una piega a quattro.
Avvolgete in pellicola alimentare e fate riposare in frigorifero circa mezz’ora. Ripetete la piega a quatro e il riposo in frigo. Se fa eccessivamente caldo fate riposare 15 in frigo e 15 in freezer.

Avvolgete in pellicola alimentare e fate riposare in frigorifero circa mezz’ora. Ripetete la piega a quattro e il riposo in frigo. Se fa eccessivamente caldo fate riposare 15 in frigo e 15 in freezer.

Fuori dal frigo dividete l’impasto in due e stendete le due porzioni ad una dimensione di 26 x 34 cm e uno spessore di circa 3-4 mm ciascuna. Il piano di lavoro deve essere infarinato a sufficienza, ma non esagerate!
Sbattete l’impasto sul piano di lavoro due volte, per favorire sfogliatura, dopodiché tagliate dei triangoli dalla base di 11 cm circa (usate un coltello molto grande e affilato tipo da macellaio).


Fate riposare i triangoli per 20 in frigo prima della formatura.
Fuori dal frigo stirate leggermente la punta dei triangoli, praticate una piccola incisione in mezzo alla loro base e arrotolate con delicatezza i lembi senza premere né stringere troppo l’impasto.

Se fate i croissant la sera per il mattino lasciateli lievitare sulla teglia per un’ora, coperti con pellicola alimentare, dopodiché metteteli in frigo per tutta la notte.
La mattina tirate i croissants fuori dal frigorifero almeno due ore prima della cottura, spennellateli con dell’uovo sbattuto e passato attraverso un colino a maglia fitta muovendo il pennello dal centro del croissant verso l’esterno per evitare che l’uovo faccia attaccare gli strati della sfoglia e copriteli con pellicola alimentare.
I croissant vanno lasciati lievitare a temperatura ambiente almeno due ore, con il caldo agostano, probabilmente in settembre saranno necessaire tre ore, (ecco a me ce ne sono volute più di 6) dopo di che sono pronti quando tremano un po’ come un budino quando la teglia viene leggermente scossa (non esagerate, dopotutto non vorrete mica compromettere la lievitazione!).
Se volete cuocerli il giorno stesso disponete i croissant su una teglia da forno coperta con carta oleata, spennellateli l’uovo sbattuto, coprite con pellicola alimentare e lasciate lievitare a temperatura ambiente per circa 2-3 ore.
Prima di cuocere i croissant spennellateli nuovamente con l’uovo sbattuto e scopargeteli con i semi di lino e di sesamo. Preriscaldate il forno a 220° C per 5, cuocete per circa 10 dopodiché abbassate la temperatura a 200°C e cuocete ulteriori 10 o finché ben dorati. Fuori dal forno fate raffreddare su una gratella.







La farcia.... 
salsa di carote,salsa di avocado, melanzane grigliate e insalata (soncino)


Salsa di carote:
7 carotte
3 cucchiai di olio evo
1 cucchiaio di olio di sesamo 
1 cucchiaio di salsa di soya
1 cucchiaino di gomasio
1 cucchiaino di semi di sesamo

Lavate e sbucciate le carote tagliarle a dadini, mettete in un contenitore con coperchio e amalgamateci tutti gli altri ingredienti. Io faccio come se agitassi un cocktail con il rischio di non aver chiuso bene il coperchio e spatasciare in giro carote e salsa unta ovunque! 
Per tanto fate come vi sia più comodo, l'importante è condire bene tutto e far marinare per una notte in frigo.
L'endomani passate nel robot o tritatutto fino ad ottenere una salsa fibrosa ma non tanto, di consistenza abbastanza morbida per essere spalmata.
Se conviene aggiungete un cucchiaio d'acqua, ma fatte attenzione perché potrebbe risultare tropo acquosa. In quel caso passare per un colino.
Si conserva in frigo coperto 2 o 3 giorni, più non vi saprei dire, non faccio mai in tempo a comprovarlo...

Salsa di avocado:
1 avocado maturo
2 cucchiai di succo di limone 
sale qb

Tagliate l'avocado a meta, togliete il nocciolo e ricavate la polpa con un cucchiaio. Metete in una ciotola e cospargete con il succo di limone, condite con il sale e aiutatevi con una forchetta schiacciando fino ad ottenere una salsa a vostro piacere, più o meno liscia.

1 melanzana grande e soncino qb
Lavate la melanzana e fate delle fette  alte un centimetro più o meno. Cospargetele con un pizzico di sale e grigliate da ambe lati finche diventano morbide. Se preferite aggiungete qualche goccia d'olio. Io non l'ho fatto, ho delle padelle quasi magiche dove non serve ungere nessuna aggiunta di grasso.

Aprite i croissant per il lungo (ovvio) e farciteli con uno stratto di salsa di abocado, poi le fette di melanzane grigliate e poi la salsa di carote, qualche foglia di sondino e chiudete.
Poi mordete, mi saprete dire... 


E rimasto chiaro che a me i croissant non piaciono dolci, ma salati? Al massimo vuoti ma senza nessuna roba dolce sopra, ma si quelli burrosi che non si devono tagliare perché è un peccato, perché secondo un mio rituale vanno strappati, e mentre tiri di una delle corna parte dell'interno segue come per arte di magia, lasciandoti scoprire quel anima fragrante e profumata. Ecco questo gesto per me è irresistibile!


Un gesto che facevo tutte le mattine o quasi, quando mio padre andava in paese a comprarci i croissant:
- nena, uno per te e l'altro per Luki-luke e la Mica, perché li ho abituato tropo bene e adesso tutte le mattine non aspettano altro!  (Luki-luke e la Mica erano i cani di mio padre)



Ed eccoli 31 ore dopo! Pronti pronti per la 50essima sfida del MTC! 
I miei primi croissant per una anno giubilare che si prospetta assai movimentato!
E un ringraziamento mega a Lou che ha messo in giocco una sfida fantastica!!!!

Dateci dentro giudici... sono sicura che tra tutto questo burro, 
e tutte le pieghe di questa sfida il croissant perfetto ci sarà!!!







14 commenti:

  1. Bravissima Mai! Sono belli belli e mi sa anche tanto buoni. Che dici, posso farmi passare per una mamma "povera" e averne una mezza dozzina x le mie piccole bimbe troppo magre?

    RispondiElimina
  2. Io l'ho mangiato e so di cosa stiamo parlando...del paradiso!

    RispondiElimina
  3. e che io ogni volta che passo di qui ...eh si raramente ma ho appena terminato una cosa importante ihihihi
    vorrei trascorrere un giorno insieme a te ed il cozzaro eh si un giorno a casa con voi morirei dalle risate :)
    e mangerei tutto qauello che sforni questi croissant sono un vero spettacolo
    un bacio enorme mai

    RispondiElimina
  4. Bellissimi i tuoi croissant, con quei semi che mi piacciono tanto, e con due salse fresche e strepitose! E hai ragione, nella versione salata danno il meglio di sé, è così che li preferisco anche io!!!

    RispondiElimina
  5. Cornetti salati tutta la vita, che poi la foto è bellissima.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Bellissimi e immagini buonissimi....

    RispondiElimina
  8. Che splendido colore i tuoi croissant! E la salsa di avocado é super!
    Brava brava

    RispondiElimina
  9. Meglio tardi che mai, perché la cinquantesima ricetta dell'MTC non si può perdere! I tuoi croissant mi sembrano perfetti e poi mi piacciono tantissimo le tue salsine! Ma anche vuoti senza niente sono buoni lo stesso, rimane il gusto di tirarli per le corna per poterli mangiare a pezzi (no, i croissant non vanno tagliati col coltello!)

    RispondiElimina
  10. Fratella io quasi mi commuovo davanti al tuo croissant...

    RispondiElimina
  11. anche io adoro s"strapparli" a metà... E adoro i tuoi, per il colore, la forma, la farcitura....

    RispondiElimina
  12. Oddio oddio oddio
    La curcuma, i semini, l'avocado, il gomasio gnam gnam gnam!
    Sono bellissimi e super saporiti i tuoi croissants...grazie!
    Un abbraccio e in bocca al lupo per la sfida :)

    RispondiElimina
  13. Ecco qui un'altra roba da fine del mondo. Ma da dove venite? Da dove vieni? Adesso chi mi toglie la voglia di una cena con sta roba qui? Crudele!

    RispondiElimina
  14. Ecco arrivo in ritardo, ma per fortuna non troppo tardi da perdermi questi croissant. Ma che brave siete riuscite a dare sempre vite diverse a queste leccornie!!!!

    RispondiElimina