mercoledì 25 novembre 2015

LINGOTTI di curcuma ripieni, un piatto porta-fortuna

A chi non serve un po' di fortuna? 
Sempre e quando tu ci creda... a quella donna con gli occhi vendati che sostiene un corno pieno di monete d'oro!

Io per esempio credo nella forza di volontà, nel "volere è potere", nella buona fede della gente e sopratutto nel pensiero laterale!
E poi ho tutto l'oro del mondo nella mia cucina... la CURCUMA!

Per questo dedico questa ricetta a tutte le persone che s'impegnano con tutto il cuore in quello che fanno e perché ci credono veramente. Come tutti quelli che partecipiamo ogni mese all'MTChallenge, a volte pensiamo che non è sfida per noi, che il tempo ci rema contro, o mille altre intoppi, ma poi sentiamo come una scossa di adrenalina, la lampadina ti ci accende nella testa e non importa se sei già a nanna, o in metro, o sotto la doccia. l'idea arriva ed è quella, non ce verso, ci si fa il possibile per portarla a termine e... ohhh... che soddisfazione!
Peccato che questa volta, mi è venuta in mente una ricetta non solo ispirata alla mia terra, ma ben si patriottica! E attenzione, perché gli ingredienti non centrano ma si la forma!

Tutto questo, perché a vincere l'MTC di ottobre, sono stati Monica e Luca di Fotocibiamo (il nome del loro blog parla da solo.. !) E bene, questi due Genovesi ci hanno proposto i Ravioli "co-o tuccu"! 
Ecco mi sono detta: "i genovesi non buttano niente, proprio come noi, i catalani che delle pietre ne ricaviamo il pane!" 
Ed è proprio così e questa volta la nostra coppia genovese ci dimostra  come da un pezzo di carne, non tanto pregiata vale a dire tosta, se ne ricava qualcosa di morbido e sublime grazie alla cottura lenta che la farà da padrona in questa sfida su i primi piatti delle feste!!!

Ma visto che quest'anno, le feste di Natale non so dove le passerò, se qua nell'Italia che mi ha adottato o nella mia terra natale, ho voluto un po' mischiarle entrambe. 
In realtà potrebbe sembrare un primo fatto con gli abbanzi delle feste... e perché no? 
Il bello è trarre del cibo il massimo proffito e il minimo sprecco, come ci insegnano Monica e Luca, e io ci vado a nozze con questo moto!



LINGOTTI di curcuma 
ripieni di lentichie nere, patate e mazzancolle
su ragù di cottechino al sugo rosso





Lingotti di curcuma che vengono a significare l'oro, ma anche a simbolizare la bandiera della catalunya, dorata con 4 strisce rosse (la Senyera*)

E con un ripieno simbolo di prosperità e buon augurio, come le lenticchie, il cotechino, e il pure di patate. Che per noi equivale al pesce e a l'uva, trasformandosi in mazzancolle e spumante! 


ingredienti per 4

per il ripieno

175 g di lenticchie (peso da crude)
3 foglie d'alloro
200 grami di mazzancole (peso da crude)
1 spicchio d'aglio

1 patata bolita

sale qb


per la pasta
250 g di farina 0
1 uovo (grande)
1 cucchiaio d'olio evo
2 cucchiai d'acqua
2 cucchiaini rasi di curcuma

per il ragù 1 cottechino fresco
1 scalogno
1 carotta
1/2 gambo di sedano
450 g di pelati
1 bicchierino di spumante
1 cucchiaino di zucchero
olio evo
sale qb


Il lavoro più lungo, che poi tutto questo lavoro non è... sarebbe la doppia cottura del cotechino. Fatello bollire per 3 ore in abbondante acqua, partendo da freddo. Una volta ben cotto e per tanto sgrassato (anche se dire sgrassato, a un cotechino, mi viene da ridere!) liberatelo dal budello e tagliatelo a pezzettini.
Nel frattempo preparare un soffritto (qui vi si aprirà un mondo) io ho tagliato le verdure molto grossolanamente e soffritto con abbondante olio a fuoco molto dolce e mescolando molto spesso.
Agiungette il cotechino spezzettato e l'alloro e ammalgamatelo al soffritto per qualche minuto. Bagnate con lo spumante, fatte sfumare e aggiungete i pelati. Cuocete per un ora e mezza aggiungendo qualche cucchiaio d'acqua e mescolate spesso per non farlo attaccare. Sarà pronto, quando con il mestolo, non si spapolera il cotecchino diventando una specie di salsa grossolana assieme alle verdure e i pomodori. 






Lavatte le lenticchie sotto l'acqua corrente e lessatele con3 foglie d'alloro, partendo da freddo e a fuoco lento. A fine cottura salare.
Pulire le mazzancole, (non buttare i carapaci usateli per una bische o un fumetto) saltatele in padella per qualche secondo con dell'olio insaporito previamente con un spicchio d'aglio e regolate di sale. 




Scolatte le lentichie e con una forchetta schiatele un pò. Unite la polpa della patata passata per lo schiaccia patate. Amalgamate e unite le mazzancole, se queste sono piccole lasciatele pure intere se no tagliatele a pezzetti, come preferite. Amalgamate e condite con dell'olio della cottura delle mazzancolle.







In una ciotola mischiate la farina e la curcuma, poi versate su una spianatoia a fontana. aggiungete in centro l'uovo, l'olio e l'acqua e impastate, lavorate la pasta, se serve bagnatevi le mani ogni tanto in modo di tenere la pasta non tropo dura, dipenderà anche della qualità e grandezza dell'uovo. Avvolgete con della pellicola trasparente e fate riposare nel frigo da 30 a 40 minuti. 

Stirare la pasta, (io con la macchina) creare delle strisce lunghe 30 cm.i e larghe 8/9 cm. dove distribuirete il ripieno per poi richiudere su di se, sigillando e tagliando il serpentone ottenuto, in tre lingotti. (vedere foto qua sotto)





Cuocere in acqua bollente e salata, quando vengono a gala far cuocere ancora per qualche secondo, prelevarli con una "schiumarola" o mestolo forato, facendo attenzione.
Servire subito e ben caldi su un letto abbondante e fumante di ragù al cotechino. 






Con questo primo delle feste partecipo alla sfida di novembre, un MTC molto speciale e gustoso grazie alla scelta dei vincitori del mese scorso Monica e Luca!! Grazie! 
E Buone Feste!!





note:
1. di pasta ne è abbanzata un po' (non si butta mica!), abbastanza per due porzioni di tagliatelle! Ecco, non le porzioni alle che siamo abituati il cozzaro ed io... ma quelle più normali.

*La senyera catalana è una delle più antiche di Europa, nata nel secoloIX dalle mani di Guifrè el Pilos, proprio dalla sua mano destra che intingi del suo sangue, quello che li borbotaba della ferita nel cuore, e strisciò lungo il suo scudo dorato e spoglio.
In realtà lascio 5 strisce rose, ma una era quasi inpercepivile, quella de police.



15 commenti:

  1. Anch'io credo fermamente nel "volere è potere" sempre e comunque. Come credo nella tua cucina, nei tuoi piatti, che parlano, comunicano e sono sempre l'espressione di chi li ha preparati. L'unica cucina che sono in grado di comprendere.
    Un bacione!

    RispondiElimina
  2. Anch'io credo fermamente nel "volere è potere" sempre e comunque. Come credo nella tua cucina, nei tuoi piatti, che parlano, comunicano e sono sempre l'espressione di chi li ha preparati. L'unica cucina che sono in grado di comprendere.
    Un bacione!

    RispondiElimina
  3. ti avverto: questa me la copio! Non solo per l'aspetto di fusione culturale, ma proprio perché deve essere un piatto buonissimo!

    RispondiElimina
  4. ti avverto: questa me la copio! Non solo per l'aspetto di fusione culturale, ma proprio perché deve essere un piatto buonissimo!

    RispondiElimina
  5. Condivido tutto ciò che hai detto ad inizio post: dal volere è potere, alla fortuna, all'adrenalina che ti prende quando ti arriva l'idea della ricetta da proporre per la sfida del mese di MTC.. insomma, penso che se chiedessimo a ciascun Mtchallenger, la risposta arriverebbe come un coro: stesse sensazioni, stesse emozioni, stessa follia :-)))
    Tu però sei la più folle di tutte, riesci sempre ad elaborare delle versioni originali, belle da vedere e gustosissime da assaggiare, con un richiamo alla tua amata terra e alla tua amata curcuma!
    E come si fa a non adorarti?
    Un beso bella mora, ci abbracciamo presto!

    RispondiElimina
  6. Volere è potere diventerà il nostro slogan! Diciamo che anche io mi sono trovata ad appuntarmi idee nei posti più strani: in coda al supermercato, in attesa dell'autobus (sul retro del libro che stavo leggendo, per altro) o in metropolitana (perdendo pure la fermata).
    Insomma, il vizio è vizio, ma i tuoi lingotti sono un vero tesoro di forma colore e, sono sicurissima, di sapore. Visto che il cotechino lo snobbano e me ne regalano anche di freschi, quest'anno lo camuffo con questo sugo e sono sicura che non brontolerà nessuno.
    Bravissima Mai!!!
    Nora

    RispondiElimina
  7. Io dico che vinci....che ti sei portata fortuna da sola con questo piatto tanto gustoso quanto coreografico!! Ora...il mio problema sarà procurarmi il cotechino fresco...ma lo devo trovare....hai creato un piatto speciale ..soprattutto per Capodanno!! Un bacione MAi...e metti il pacchetto Giapponese in borsa :P

    RispondiElimina
  8. Mamma mia Mai, che ricetta strepitosa!!! I colori allegri della bandiera Catalana, i sapori decisi di lenticchie e cotechino, quello più delicato delle mazzancolle e lo spumante che innaffia tutto: gli ingredienti per un piatto vincente ci sono tutti!!!

    RispondiElimina
  9. Allora accetto questo meraviglioso piatto che hai. Dedicato a tutti noi
    sei sempre una risorsa complimenti

    RispondiElimina
  10. Ciao,
    bunissimi questi porta fortuna di lingotti ripieni alle lenticchie e mazzancolle :)
    Ho pensato di aggiungermi ai tuoi followers e spero vorrai ricambiare per cui ti lascio il link del mio blog, basta che clicchi su ''join this site'' grazie!! ciaooooooooo

    http://thatisammore.blogspot.it/
    That’s amore

    RispondiElimina
  11. Ciao, non ti sei ancora aggiunta ai miei followers? :(
    http://thatisammore.blogspot.it/
    That’s amore

    RispondiElimina
  12. I tuoi lingotti sono Davvero preziosi e sono semplicemente squisiti poi io sono un'aman te sfegatata del cotechino :-)

    RispondiElimina
  13. Davvero goloso Mai, molto particolare e diverso dal solito... e siccome qui il cotechino lo trovo buono credo proprio lo proverò... ;-)
    Belli belli!
    Lidia

    RispondiElimina
  14. Che idea bellissima, cara Mai! Ci sei proprio tu in questa ricetta, bella, colorata e travolgente!!!
    Un abbraccio super :)))
    P.S. l'idea dei lingotti te la copio!

    RispondiElimina