giovedì 25 febbraio 2016

Baccalà croccante al MIELE, su un mare di crema di scarola

L’MTC fa bene, e questa è una sacrosanta verità!
E fanno bene anche i giudici che ci sono ogni messe, con le loro proposte. Perciò questa volta tutto si raddoppia, sia il bene che la bontà della sfida! Si, perché questo mese è speciale visto che i giudici sono aumentati e parliamo di 4 e non 2 mani! 
Quelle di Eleonora Colagrosso di Burro e Miele e quelle di Michael Meyer, mani da non sottovalutare, (con o sensa lattice!) 
Ma la cosa ancora più magica di questa 54 à sfida è proprio la ricetta, anzi l’ingrediente scelto… Il miele!!! 




E con un post come questo non ci si può fare altro che stamparlo, leggerlo e rileggerlo, e goderne tutte le informazioni dei nostri due amici unoTel Aviv l'altro a New Delhi!!


Ed io, (per non ripetermi) vi porto in Catalunya con il baccalà al miele, una ricetta antica, atribuita al fratti del monasterio di Poblet osarei dire però, che fu molto popolare in conventi o comunità religiose, non per altro erano loro che in questioni di cibo la sapevano lunga...!
La nostra cucina però, è piena di pietanze con sapori contrastanti, sopratutto quelli agrodolci, sicuramente ereditati dall'epoca greco-romana e dal medioevo, dove la necessità di condire e trattare gli alimenti era necessaria in modo di non sprecare nessun tipo di cibo. Ma è questo modo di cucinare tutto "strano" di accostamenti e abbinamenti disparati tra loro, che io adoro. Perciò, se siamo capaci di impazire con dei calamari ripieni di carne di vitello e mela, e se cuciniamo la carne con del cioccolato e la fruta, non è strano che il pesce col miele sia una ricetta molto abituale a casa, giusto?

D'altronde stiamo parlando di partecipare a una sfida culinaria, che per me equivale a dire MTC, il che vuol dire che niente è banale, ma ben si, tutto ha il suo perché e niente va lasciato al caso, altrimenti non sarebbe l'MTChallegne e non saremmo mai arrivati alla sfida n° 54, con del miele che gronda da tutti gli schermi che ci guardano!
Per quanto riguarda il miele, per una ricetta come questa, (tipica catalana) non ho potuto fare a meno di usare pure il miele di casa, quello che mio zio, e ancora prima mio nonno, raccoglie nei perinei. Questo è un miele di fiori di alta montagna, dove si trovano piccoli arbusti sopratutto di ginestra, e tante piante aromatiche come la camomilla e il rosmarino, e anche se il colore di questo miele è di un ambrato scuro la sua dolcezza e profumo sono incredibili, non smetteresti mai di prenderne una cucchiaino dopo l'altro!


Baccalà croccante al miele
su un mare di crema di scarola,
(bagnato con del miele caldo alla curcuma, mandorle e pinoli tostati,) 







Ingredienti per 2
250 g di baccalà (gia dissalato e privo d'acqua)
5 cucchiai di miele (di fiori di alta montagna)
75 g di farina
15 g di mandorle tostate
9 g di pinoli tostati (un cucchiaio)
olio di girasole (qb per friggere)
mezzo cucchiaino scarso di curcuma
1/2 scarola
1 ciufetto di finocchio 
sale


Lavate e spezzettate la escarola e i ciuffetti di finocchio, fateli stufare in una casseruola con un filo d'olio e un aglio, salate e fateli saltare per un paio di minuti, aggiungette mezzo bicchiere d'acqua e cuoceteli col coperchio e a fuoco basso, in modo di approfittare al massimo il vapore e la condensa, ad ogni modo aggiungete ogni tanto, se serve, qualche cucchiaio d'acqua finche saranno morbidi al punto giusto, dopo di che frulatelli fino ad ottenere una crema, mettete da parte tenendola a caldo.

Tagliate il baccalà a tranci (tipo bastoncini ma più grossi sui 4 cm.) e disponeteli in un pentolino con dell'acqua fredda, cuoceteli per pochi minuti e aggiungete del sale. Toglieteli dall'acqua, facendo molta attenzione a non romperli, e lasciateli in uno scolapasta, distanti l'un dell'altra in modo di farli perdere l'acqua, non buttate quella della cottura, vi servirà per l'impasto.

Tamponate il baccalà con della carta da cucina. Versate la farina in una ciotola e infarinatelo, mettetelo da parte. 
Mescolate alla farina 3 cucchiai di miele, un pizzico di sale e aggiungete pian piano qualche cucchiaio dell'acqua della cottura del baccalà fino a quando oterrete una pastella liscia e senza grumi, la consistenza giusta è quando al immargerci il baccalà questa ci rimanga ben attaccata e lo copra omogeneamente.
Friggere in abbondante olio bollente e una volta dorati da tutti i latti, appoggiare su della carta assorbente.
in una padelina far tostare per qualche istante le mandorle e pinoli, aggiungere il miele restante e amalgamare, spegnere il fuoco, aggiungere la curcuma e mescolare.
Comporre il piato adagiando il baccalà su qualche cucchiaio di crema di escarola e versare sopra il miele caldo alla curcuma con i pinoli e le mandorle.






note:
1- il baccalà lo compro sotto sale e lo preparo e dissalo a casa per tre motivi: uno perché si conserva di più tempo (io lo tengo sempre in frigo); l'altro perché il prezzo è più basso di quello già lavato e dissalato; e ultima perché sono masochista di natura e le cose comode mi sà che non fanno per me, per molto che ci provo!

2- ringrazio mio zio Ramon, che mi ha regalato del miele stupendo, così ho potuto usarlo per questa ricetta! Nelle foto (qui sotto) siamo a 1.200 metri di altitudine, a Manyanet, molto vicino a dove lui ha gli alberai!






Con questa ricetta partecipo affa sfida n° 54 dell'MTC la più dolce!
e che la forza del miele sia con voi, giudiciiii!!!














20 commenti:

  1. Voglio venire in Catalunya con te e mangiare queste cose qui buonissime.... nei tuoi luoghi ...BANANISSIME

    RispondiElimina
  2. Flavia aspetta che ho pure dimenticato di allegare le foto di quei posti dove mio zio ha le api e dove andiamo di rado, purtroppo, con Leo e Frida!!!
    sarebbe fantastico fare un raduno lì in alta montagna!!!
    besos

    RispondiElimina
  3. Adoro il baccalà e non ti dico che gola mi fa questo piatto.... !
    Molto interessante anche il procedimento di cottura.
    Ciao!
    Alessia - myiummy.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale! Credo che qua dentro l'MTC siamo un bel po' di gente a piacerci il baccalà!

      besos

      Elimina
  4. La tua ricetta è splendida primo per il bacalao e poi per abbinamento con miele e scarola....anche io ho usato il bacalao ma fresco ;-)
    Grazie di questa ricetta stupenda :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ilaria!
      Allora vado subito a vedere!!

      Elimina
  5. Che posto meraviglioso deve essere la Catalunya! Le montagne che si intravedono nelle foto fanno sognare. E sarei curiosa di assaggiare tutti questi cibi dalgi accostamenti "strani" :-D
    Bellissima ricetta, anche perché il baccalà mi piace in tutte la maniere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alice il baccalà ci unisce a noi due! ;) (ricordi nel set...?)
      E si, belli quei posti, quando vedo certe foto, non lo nego, un po' la nostalgia mi invade... ma è tutto colpa del Cozzaro che non mi porta in giro a conoscer i bei posti che ci sono in Italia!

      Grazie e un abbracio!

      Elimina
  6. Che meraviglia di ricetta, Mai!!! Se potessi aver un piatto così per pranzo :)))D
    Al Monstero di Santa Maria de Poblet ci sono stata, e ne ho uno stupendo ricordo... Mi sono portata a casa anche delle bellissime ciotole fatte a mano, acquistate nel negozio interno ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale!!! Ma che bello, sei stata a Poblet!!!
      No, guarda se ne avesse fatto di più te ne portavo un po' al lavoro!!!

      besos guapissima e abbraccia da parte mia la tua piccolina!

      Elimina
  7. Mai, è un gran regalo quello che ci fai. Parlarci della cucina catalana, del miele di tuo zio, e mostrarci queste foto del pane casereccio con il miele sicuramente appena uscito dagli alveari d'alta quota.
    Straordinario. Come straordinaria è la ricetta che ci proponi (A mì me encanta el bacalao) e che spieghi in maniera ottima senza lasciar nessun dubbio su nessuno dei passaggi. Figata colossale di usare l'acqua della prima cottura del baccalà per la pastella.
    Grazie tesoro.
    ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ele, tu non puoi capire quanto mi fa felice il tuo commento sull'acqua di cottura... No, non lo puoi capire!!
      Poi della mia terra potrei parlare per secoli ma credo che basti così... ;) Leo poi mi prende sempre in giro!
      grazie di essere passata e buon lavoro!

      un besazo enorme, de aqui alla India!!!

      Elimina
  8. Questa la rifaccio a Luca. impazzirà. Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sabrina, allora fanne un pò di più... perché non basta mai! E mi sono trattenuta e fatto le porzioni da persona normale! Lo sai che io mangio poco... ;)

      besos

      Elimina
  9. Mai, il tuo nuovo modo di impiantare circondato dai tuoi disegni mi piace da impazzire. Non amo il baccalà ma la tua ricetta mi ha tentato...sicuramente la farò per l'uomo di casa che invece ne va ghiotto. Sarà felicissimo e non mancherò di raccontargli da dove proviene ☺️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! E sappi che lo faro anche quando vincerai tu... ricetta con disegno!
      Un beso dulce Ilaria e vedrai che piacerà anche a te!

      Elimina
  10. Mooolto buono preso nota non me lo lascio scappare. Buona fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Edvige allora anche tu vai matta per i baccalà? Io l'adoro in tutti i modi e in tutte le salse!!!

      Grazie cara, un abbraccio!

      Elimina
  11. Una ricetta che è un capolavoro e un trionfo di sapori e consistenze diverse.
    Fantastica Mai e... grazie a Zio Ramon!!! :-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mapiiiiii! Grazie!!!!
      Sai, lo zio Ramon è sempre quello delle mini prugne di montagne... e provengono di quelle montagne che vedi nelle foto!!!

      un bacio!!!

      Elimina