venerdì 27 aprile 2012

"Famolo Strano" con la FRANGIPANE esoticovitaminica





E siiii! Estrano ed esotico! Perché già avete visto di cosa è capace la blogosfera al suon della parola "FRANGIPANE". Tutto colpa di Ambra e le donne dell'MTC! 


Io ho approfittato la carica vitaminica del goji per mettermi in gioco, perché alla fine questo è un gioco, e una scuola per tutti. Inutile dire che con L'Alessandra e la Daniela s'impara ogni giorno, e se poi aggiungiamo la donna del gattoghiotto... fate un po' voi! 
E poi, era un pò di tempo che volevo usare queste bacche miracolose in qualche pietanza oltre che alla solita tisana. Hanno un sapore particolare, dolcino, tra la fragola e l'uva passa, con un filo di acidulo che mi piace assai!
Quando preparo le tisane, spesso ne verso un cucchiaio dentro l'acqua calda, queste bacche si idratano e si gonfiano, e l'interno risulta polposo e saporito. Del Goji ne dicono mille meraviglie, tante proprietà, tante vitamine... si da il fato che lo cercavo da parecchio e quando l'ho trovato non ho dubitato a prenderne un bel po', che adopero come fosse oro! Il mio arriva direttamente dal Tivet.

  • il frutto incorpora un’ottima miscela antiossidante, ad ampio spettro.
  • costituisce un efficace aiuto per il buon funzionamento del sistema immunitario.
  • ha proprietà protettive per la pelle.
  • svolge un’azione tonica e energizzante sull’organismo.
  • aiuta a migliorare la vista e a proteggerne la funzionalità.
  • il suo contenuto di antiossidanti fornisce una protezione aggiuntiva al Dna prevenendone danni e lesioni.
  • il contenuto naturale in zinco, sostiene la normale produzione di testosterone, collegato alla produzione di sperma e alla libido.



Allora, vi sembra poco?
Ecco perché la mia frangipane è vitaminica, no scherzo... l'esotico poi, viene dato dal rum e lo zucchero di cana. Sarà che ho voglia di vacanze, di viaggi... in tanto ho messo insieme Cuba e il Tibet in una torta! Basta un po' d'immaginazione e questa, a casa Esteve /Bellocchio non manca mai. Quello che però non abbonda sono le torte, sfornarne una ogni  mese è già tanto! E questa volta ci pensa Ambra e le donne dell'ITC, a ricordarmi che è ora di dolci! Tutti via con la frangipane!
E anche se il detto dice "aprile dolce dormire", di dormire ce ne stato ben poco ma di dolci ce ne sono stati una valanga! 
"...Una statistica portata a termine il sabato 21 aprile a Milano, con un campione di 15 donne di diverse regioni d'Italia, ha dato il seguente risultato: che come minimo venivano sfornate 4 frangipane al giorno per famiglia, in tutta Italia..." 
Purtroppo la casa Esteve Bellocchio abbassa questa media, perché a 3 o 4 frangipane credo non ci arriverà... ma non potevo mancare, almeno una, e poi l'opportunità di mettere alla prova questo goji... Risultato? 
Chiedete il parere alle cavie... se riuscite a starli dietro, dopo tutta questa carica...!
vado...vado...vado!




Ingredienti:
FROLLA
250 gr. di farina
60 gr. di zucchero
150 gr. burro freddo
1 uovo intero (di galline senza gabbia)
Buccia grattugiata di mezza arancio
2 amaretti (quelli morbidi)
1 pizzico di sale


CREMA FRANGIPANE (di Ambra)
100 gr. di farina di mandorle
100 gr. di zucchero semolato
150 gr. burro appena ammorbidito
1 uovo intero (di galline senza gabbia)
30 gr. di fecola di patate/maizena

RIPIENO ("famolo stranno")
3 mele  regnete
3 cucciai di zucchero di canna
una noce di burro
2 ditta di rum
45 gr. di goji (disidratato)



Preparare la frolla mischiando bene la farina con lo zucchero, la scorza grattugiata di arancio, il pizzico di sale e gli amaretti ben sbriciolati. Aggiungere il burro e lavorare fino ad ottenere un composto sabbioso e poi aggiungere l'uovo un po' sbattuto, impastare velocemente e mettere in frigorifero per minimo 30 minuti, avvolto nella pellicola trasparente.
Questa volta non l' ho messa via a forma di pallina ma l'ho spianata in modo di fare meno fatica poi a tiranna, ed è funzionato.
Preparare il ripieno mettendo il goji in ammolo, con dell'acqua calda, questi devono gonfiarsi e diventare polposi.
Lavare e pelare le mele, tagliarle a spicchi e rosolarle in padella con il burro e lo zuchero di canna (quello vero, mascovado), quando cominciano a imbiondirsi versare il rum, fare evaporare e mettere da parte a raffreddare.

Tirare la frolla tra due pezzi di carta a forno (o la pellicola stessa), ungere e infarinare lo stampo a cerniera, e foderare con la frolla. Punzecchiare il fondo con il lembo di una forchetta, coprire con della carta a forme e riempirla con un peso, io con dei fagioli. Infornare a caldo per circa 10 minuti a 180°. Rimuovere carta e fagioli e infornare per altri 5/7 minuti.
Mentre preparare la frangipane montando il burro con lo zucchero ottenendo una crema spumosa. Aggiungere l'uovo previamente sbattuto e laborar ben l'impasto con lo sbattitore aggiungendo poco a poco la farina di mandorle, poi pian piano anche la maizena e continuare a montare.
Riempire il fondo della torta con le mele caramellate. Scolare bene il goji e stenderlo sullo strato di mele. Coprire il tutto con la crema al frangipane, cospargere con delle mandorle laminate e un po' di zucchero di canna.
A forno già caldo, cuocere per 20/30 minuti a 180°, nel mio caso, avendo un forno statico ci è voluto 40 minuti. 




Ma la vera sofferenza è stato aspettare la fase "raffreddamento" perché non vedevo l'ora di azzannarne una fetta... io poi!







15 commenti:

  1. Questa frangipane è a dir poco spettacolosa!!! Una fettina me la posso prendere??? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e serviti pure! Anche virtualmente la carica te la da di sicuro!

      Besos

      Elimina
  2. Non ho la minima idea di che sapore possa avere, ma l'aspetto è delizioso!
    Fabio

    RispondiElimina
  3. se questo goji fa sparire anche rughe e appassimenti vari organizzo un pellegrinaggio in tibet e torno con una scorta per il prossimi 20 anni!!!
    se poi si sfornano anche dolci come questo direi che è un'ingrediente perfetto!

    RispondiElimina
  4. Splendida veramente e le foto pure! Sabato è stata una giornata epica e tu sei un fiume in piena!
    Spero di rivederti presto e ... di assaggiare questa torta deliziosa!
    Nora

    RispondiElimina
  5. io-ti-adoro...
    io-ti-adoro---
    io-ti-adoro... e non sai come sono felice, ogni volta che passo di qui!
    un bacione
    ale

    RispondiElimina
  6. bella, bellissima, stupenda!! e se poi fa anche il carico di vitamine... mi ci tuffo!!!!!!
    bravissima mai, sei un portento :))

    ps: ho parlato a mia figlia dei tuoi orecchini (lei ne ha una collezione STERMINATA) e li vorrebbe vedere assolutamente... hai delle foto da qualche parte? besitos

    RispondiElimina
  7. Bellissime le foto, davvero. Quasi quasi, in questa valanga di frangipane ü una che ancora proverei, ma una mini fettina, giusto per aiutare gli abitanti di casa Esteve Bellocchio a smaltire un dolce.

    RispondiElimina
  8. condivido in pieno il pensiero di Dauly... organizziamo un pellegrinaggio??
    Baci simpaticissima e bravissima ragazza
    Dany

    RispondiElimina
  9. Il goji , io l'ho trovato proprio alla Bouqueria di Barcellona... l'ho mangiato così, in purezza... Mi sa che devo tornare a Barcellona al più presto... altrimenti vengo anche io in pellegrinaggio! ;)

    RispondiElimina
  10. Aho, basta con qeuste baccho goji, che io non so proprio dove prenderle e se me le sventoli sotto al naso poi morirò di desiderio ;)
    queste tue frangipane pernso avranno reso il signor Bellocchio (di nome e di fatto!!) molto molto felice, eh!
    per il pellegrinaggio, ci sto

    RispondiElimina
  11. Si organiza comitiva per dicembre, tutti in coda alla fiera dell'artigianato a Milano.
    Stand del tibet. Tanti kili di goji come volete... ma finiscono in fretta!

    :)

    RispondiElimina
  12. Questa frangipane è una vera tentazione...mhhh.....complimenti per il tuo bellissimo blog, adesso sbircio tra le tue ricettine...

    RispondiElimina
  13. Che ridere!
    post divertente ed istruttivo: e chi lo ha mai sentito nominare questo goji!?
    Si impara sempre tanto, non si finisce mai. Non provo neanche a cercarlo nella mia città, provocherei reazioni di meraviglia, modi di esprimersi siciliani che a quest'ora della mattina non penso sia il caso di proferire.
    :DDDDDDDDDDD

    RispondiElimina