giovedì 27 maggio 2021

il mio PICNIC per il Club del 27

...é arrivato!!! 

E già alle porte il momento del picnic, la bella stagione (appena smette di piovere...) immagino tutti con cestino e la copertina sotto il braccio a cercare un luogo sul prato, in montagna in mezzo la natura dove stendere la tovaglia e disfrutare di un pranzo, o perche no di una merenda, o quello che preferite!

Il club del 27 questo mese vi fa delle proposte, semplici ma gustose e sopratutto pratiche d'assaporare e da trasportare "nel cestino" per un picnic come si deve!

E se per il momento non potete uscire di casa, per qualsiasi motivo... non importa, allestite un picnic sul terrazzo, o nel balcone, o perche no dentro casa, basta adagiare una tovaglia per terra in salotto!

Questo mese, le ricette scelte sono state tratte dal libro The outdoor table ricette.





GEORGIA PEACH SANGRIA

Sangria alle pesche 




Ingredienti per 6 persone: 

2 pesche medie

¼ tazza di succo d'arancia fresco

2 cucchiai di zucchero

1 bottiglia di vino bianco secco, refrigerato

50 ml di grappa alla pesca (io quel normale)

300 ml acqua gassata


Lavate e sbucciate le pesche, tagliatele a pezzetti e lasciatele macerare in una brocca grande per una ventina di minuti assieme al succo d'arancia e lo zucchero.

Aggiungete il vino e la grappa, mescolate delicatamente e conservare in frigorifero. 

Al momento di servire, versateci lentamente l’acqua gassata. 

La frutta può essere consumata una volta che vi siete bevuti la sangria!




GRILLED SUMMER VEGGIE SANDWICHES 

Panini vegetariani alla griglia 



Ingredienti per 4 persone: 

4 funghi portobello grandi

2 peperoni medi rossi o gialli

2 zucchine medie

30 ml di succo di limone fresco

1 cucchiaino di scorza di limone grattugiata

30 ml di tazza di olio extravergine di oliva

2 spicchi d'aglio, tritati

2 cucchiaini di timo fresco

120 g di formaggio di capra (io del tofu marinato)

3 cucchiai di pesto di basilico preparato (io fatto in casa)

4 panini (tipo ciabata) aperti a metà

Rimuovete i gambi dei funghi portabello, tagliate i lati dei peperoni ottenendone delle strisce larghe e tagliate le zucchine a fettine, nel senso della lunghezza, spesse 3 o 4 millimetri. 

Mettete tutte le verdure in un grande sacchetto di plastica richiudibile. Aggiungeteci il succo di limone, la scorza, l'olio, l'aglio e il timo e lasciate marinare le verdure per almeno 30 minuti o fino a 4 ore. Io le ho lasciato tutta la notte e l’indomani a pranzo erano stupende, pronte e saporite per la griglia.

Preriscaldate una griglia a fuoco medio-alto. Grigliate le verdure per 3-4 minuti per lato finché non si saranno formati i segni tipici della griglia. Mentre le verdure grigliano, mescolate il formaggio di capra e il pesto in una piccola ciotola. 

Passate i panini, da ambe le pati, sulla griglia soltanto per circa 30 secondi in modo di riscaldarli. Distribuite abbondantemente la miscela di pesto su entrambi i lati del pane e una volta che le verdure sono tenere, adagiatele sul pane come più preferite. A me è piaciuto molto la versione con il fungo nella parte sopra a chiusura del panino.


note: preparali in anticipo e servili freddi o a temperatura ambiente, per sciò sono molto addati a un picnic.




MAMA’S FROSTED PEANUT BUTTER BROWNIES 

Brownies al burro di arachidi



Ingredienti per 16 porzioni 

120 g di burro

120 g di burro di arachidi liscio

90 g di zucchero di canna (io moscovado)

60 g di zucchero bianco

1 uovo grande

1 cucchiaino di estratto di vaniglia

100 g di farina per tutti gli usi

¼ di cucchiaino di sale

mezzo cucchiaino di lievito in polvere


Ganache al cioccolato

3 cucchiai di panna

100 g di cioccolato fondente tritato

Mezzo cucchiaino di sale marino


Preriscaldate il forno. In una casseruola o pentolino capiente, sciogliete il burro a fuoco medio-basso. Incorporate il burro di arachidi, lo zucchero di canna e quello bianco fino a quando non saranno ben amalgamati. Togliete la casseruola dal fuoco e incorporare l'uovo e la vaniglia e mescolare bene. 

Aggiungete la farina, il sale e il lievito in polvere e mescolate fino a quando non sarà appena amalgamato. 

Versate la pastella in una teglia quadrata da 20 cm e cuocere i brownies per 30-32 minuti. Sfornate e lasciateli raffreddare completamente su una gratella.

Per la ganache, mettete la panna in una ciotola adatta al microonde e fattela andare per 1 minuto, mescolate e versateci il cioccolato mescolando fino a quando il cioccolato si è sciolto.

Distribuite la ganache sui brownies raffreddati e cospargeteli con del sale marino. 

Tagliateli in quadrati e servire.


note: la cottura, per quanto riguarda la mia tipologia di forno, potrebbe essere accorciata da 4 o 5 minuti in modo di lasciare i brownie un pò meno asciutti




martedì 27 aprile 2021

la mia Frittata di Patate e Asparagi al forno per il club del 27

Trovo che Aprile sia un mese meraviglioso, le giornate sono definitivamente più lunghe e il sole scalda di più, d'altra parte questo sarebbe anche un mese di pioggia perciò la natura cresce rigogliosa e la voglia di fare picnic è al massimo dei massimi... (pandemia permetendo)... comunque questo mese per il club del del 27 ci siamo decantati per un libro stupendo The roasting tin” di Rukmini Yver, dove tutto va messo in teglia e cotto in forno e alcune di queste pietanze trovo siano perfette per i picnic, come quella che ho scelto da fare, la Frittata di Patate e Asparagi al forno. Giudicate voi, qui ne troverete tante altre!


Fritatta di patate e asparragi al forno


Ingredienti per 4 persone:


400 g di patate, sbucciate e tagliate a fettine sottili

200 g di patate dolci, sbucciate e tagliate a fettine sottili

1 cipolla, affettata sottilmente

2 cucchiai di olio d'oliva

Sale marino e pepe nero appena macinato

15 g di dragoncello fresco, tritato finemente

5 uova

50 g di crème fraîche

230 g di asparagi, mondati

30 g di parmigiano


Preriscaldate il forno a 170 ° C ventilato o pure 190 ° C  statico. 

Disponete le due tipologie di patate e la cipolla in una piccola teglia da forno profonda e mescolate bene con l'olio d'oliva, un cucchiaino di sale marino, una buona macinata di pepe nero e dragoncello. Coprite bene con della carta stagnola, (io ho usato quella da forno) poi trasferite in forno e cuocete per 30 minuti.


Nel frattempo, sbattete le uova con la panna acida. Condite bene con sale e del pepe nero appena macinato. 

Una volta che le patate e le cipolle sono cotte, versate il composto di uova distribuendolo bene dappertutto

Disponete sopra gli asparagi e cospargere con il parmigiano, quindi rimettere la teglia nel forno, scoperta, per altri 25–30 minuti, fino a quando le uova non sono cotte. Servire caldo o freddo.




venerdì 26 marzo 2021

colazione con Buvette's Steamed Scrambled Eggs per il club del 27

Questa volta va di uova... un ingrediente che a casa mia non manca mai, perche catalana sarei senza almeno una dozzina di uova in frigo? Peccato che per 10 giorni ho dovuto stare attenta per problemi di salute altrimenti ne avrei fate parecchie di ricette questo mese, perche il club del 27, per questo mese di marzo, ci ha proposto una sfilza di preparazioni dove l'ingrediente "estrella" è l'uovo!

Le ricette sono tratte dal libro All about eggs di Rachel Khong, un giro del mondo sulle preparazioni delle uova. Per ora mi sono limitato a questa ricetta che è diventata la colazione di qualche giorno fa, e che ho scelto alla fine tra tante perche il modo di cottura mi ha fatto tropo simpatia e incuriosito. Ci credete, che con soltanto con una caffettiera potete prepararvi sia il caffe che le uova? Vengono soffice e morbide, magari però, io li ho cotto un pò troppo, devo prendere di sicuro la mano con questo sistema, perchè è la prima volta che adopero la cannula del vapore della caffettiera per cucinare del cibo!


Buvette's Steamed Scrambled Eggs



ingredienti per 2

4 uova

sale

Peper

2 cucchiai di burro tagliato in due

Formaggio morbido (optional)

Erbe aromatiche tritate (optional)

Creme fraiche (optional)

Salmone affumicato (optional)


Rompete le uova in una brocca di porcellana o di acciaio inossidabile.

Con una forchetta, sbattete velocemente le uova, aggiungete il burro praticamente sciolto e mescolate.

Per cuocere le uova dovete utilizzare il beccuccio del vapore della vostra macchina per caffè espresso, quello che si usa per scaldare il latte e fare i cappuccini, per intenderci... immergete la questo Beccuccio nella miscela di uova dentro la brocca o caraffa.

Aprite la valvola e cuocere al vapore le uova, facendo dei movimenti circolari con la brocca fino a quando il preparato si inizia quagliare, più o meno 60 secondi e listo!

Versate le uova in due piatti e condite con sale e pepe. 

Potete completare il piatto accompagnandolo con del formaggio fresco, delle erbe aromatiche, della creme franche o perche no con del salmone affumicato, diciamo a vostra fantasia e gusto.

Inizialmente volevo accompagnarlo con tutto di più, ma poi facendo una ricerca nel mio frigo il salmone non è stato pervenuto, così ho optato per della creme fraiche mescolata a un cucchiaio di yogurt e del timo fresco tritato.


mercoledì 27 gennaio 2021

Zuppa provenzale con paprika affumicata per il club del 27

Questo mese, nelle cucine del club del 27, si sente un "chup-chup", tipico rumore che fa intuire quando le pentole sono sul fuoco e la zuppa sobbolle. 
Proveneneti da diversi angoli del mondo e da diversi libri e riviste di food, sono state selezionate delle ricette dalle qualli abbiamo scelto ognuno quale fare. Questa volta ho scelto una zuppa di verdure speziatta di Belinda Williams del duo libro Delicious soups, la "Chunky provençal vegetable soup with smoked paprika". E vi svagliate se pensate sia una semplice minestra, perche con quel tocco di acceto balsamico e di paprica affumicata le da la svolta molto interessante.
E poi diciamocelo, chi non gradisce, con questo tempaccio una zuppa del genere bella calda? 
Per tutte le zuppe che il club ha cucinato le trovate qua nel MTChallenge

ZUPPA di verdure provenzale 
con paprika affumicata






ingredienti per 6 persone:
3 cucchiai abbondanti di olio d'oliva
1 cipolla rossa, a dadini
2 spicchi d'aglio, schiacciati
1 zucchina a dadini
1 carota, sbucciata e tagliata a cubetti
2 coste di sedano, affettate
1 porro piccolo (solo la parte bianca) a fette
800 ml di brodo vegetale
400 g pomodori tritati e 
3 cucchiai di concentrato di pomodoro
un bel pizzico di paprika affumicata
200 g di fagioli misti
una manciata di fagiolini tagliati a pezzetti
1 cucchiaio di aceto balsamico
un mazzetto di basilico fresco, tritato grossolanamente
un mazzetto di prezzemolo fresco, tritato grossolanamente
sale marino e pepe nero macinato


In una grande casseruola, nel mio caso ho usato una pentola di coccio, mettete 2 cucchiai d'olio d'oliva, la cipolla, l'aglio, le zucchine, la carota, il sedano e il porro e mescolare a fuoco medio per circa 3 o 4 minuti, finché l'olio non sarà assorbito.
Versate il brodo e i pomodori tritati, dopo un paio di minuti aggiungete i fagiolini e la passata o concentrato di pomodoro e mescolate il tutto. 
Cuocete a fuoco lento per circa 15-20 minuti, fino a quando le verdure saranno tenere.
Nel frattempo, saltate in padella con l'olio rimasto i fagiolini con gli spicchi d'aglio, aggiustate di sale e pepe nero e tenete da parte in caldo.
Condite la zuppa con la paprika affumicata e amalgamate. 
Aggiungete i fagioli misti e l'aceto balsamico e cuocete per un paio di minuti. Infine incorporate il basilico e il prezzemolo tritati freschi, riservandone un pò per guarnire i piatti al momento di servire.

Nel mio caso ho sostituito il basilico con del timo e del rosmarino, che ho legato con un pò di spago e messo a cuocere appena la zuppa ha cominciato a borbottare, poi una volta spento il fuoco ho prelevato il fagottino di erbe aromatiche e servito i piati con un rametto di timo e del prezzemolo








venerdì 27 novembre 2020

Sablé al cioccolato bianco caramellato con sale marino per il club del 27

 

Questo mese, visto la vicinanza delle feste natalizie e per addolcire un pò questo anno strano, nel club del 27 si è pensato di fare una swap e regalarci tra di noi dei biscotti, chi li ha spedito fisicamente e chi, come me lo fa virtualmente. Ma in fondo fare un dolce con amore ed impegno pensando a qualcuno, credo sia una bellissima cosa tanto per il palato che per l'anima, diciamolo, un boccone dolce al momento giusto può cambiarci la giornata!

Questi biscotti sono per una persona dolce e grintosa, proprio come lo sono questi sablé al cioccolato bianco..., Bianca Berti del blog Tritabiscotti! Vi siete resi con to del gioco di parole, nomi, ingredienti e colori? Tutto un caso... e....la magia del Natale!





Sablé al cioccolato bianco caramellato 

con sale marino




Ingredienti 

(per circa 45 biscotti)


255 g di cioccolato bianco tritato

227 g di burro a temperatura ambiente

150 g di zucchero semolato

1 tuorlo d’uovo grande (19 g)

4 g di estratto di vaniglia

250 g di farina 00

1 cucchiaino di sale kosher

45-60 g di panna fresca da montare, riscaldata

Sale marino, per aspersione

 

Preriscaldate il forno a 150 ° C.

Foderate una teglia con della carta da forno e distribuiteci sopra la cioccolata bianca tritata. Infornate fino a quando il cioccolato inizia a sciogliersi, circa 10 minuti. Usando una spatola, spalmate il cioccolato in uno strato sottile, continuate a cuocere ancora 10 minuti. Mescolate e ripetete la procedura fino a quando il cioccolato non sarà caramellato. Il cioccolato potrà  sciogliersi o diventare granulare. Se il cioccolato è granuloso, mettetelo in un macinino da caffè o frullatore e rendetelo liscio, non serve che sia perfettamente liscio. Lasciate raffreddare leggermente. Se preparate il cioccolato precedentemente ricordatevi di riscaldarlo prima d’usarlo.


In una ciotola, o nell’impastatrice, montate lo zucchero e il burro fino ad ottenere un composto bianco e cremoso (serviranno 4-5 minuti). 

Aggiungete il tuorlo d’uovo e la vaniglia e continuate a montare per un altro  minuto, poi aggiungete 3 cucchiai di cioccolato bianco caramellato morbido e continuate a sbattere con le fruste fino a quando non sarà completamente amalgamato. Abbassate la velocità del mixer e incorporate gradualmente la farina, un pizzico di sale e amalgamate bene.


Dividete l’impasto in due parti e formate con ciascuna un rotolino di 2,5 cm di larghezza, avvolgeteli con della pellicola da cucina e fateli raffreddare in frigorifero per almeno 1 ora o come nel mio caso per tutta la notte.


Preriscaldate il forno a 180 °C e foderate una teglia per la cottura con carta da forno. Tagliate i rotolini in fette spesse circa 2 cm e posizionateli ben distanziati sulla teglia appena preparata. Infornate e cuoceteli per 8-10 minuti o fino a quando i bordi sono dorati. Stati attenti perche io la prima teglia sono riuscita a tostarli tropo! Sfornateli con molta cura perche sono fragilissimi e fateli raffreddare su una griglia.


Mettete in una ciotola il cioccolato caramellato rimasto e fatelo ammorbidire nel microonde. Aggiungete la panna, che dovrà essere calda, 1 cucchiaino alla volta, mescolando fino a quando il cioccolato bianco prenda la consistenza di una ganache, abbastanza morbido da spandersi ma non troppo liquido. Distribuite 1 cucchiaino di ganache su ogni biscotto e cospargete con del sale marino. Meglio se gli servite il giorno stesso altrimenti tendono ad ammorbidirsi, anche se vi assicuro che sono buoni anche 3 giorni dopo, se li conservate in una scatola di latta.








martedì 27 ottobre 2020

Cannelloni con zucca e spinaci per il club del 25...

Mi mancava il club del 27, e dopo qualche puntata di riposo per le vacanze, (che in realtà non ho fatto) si ritorna con una sfilza di ricette stupende e di stagione, perche l'autunno e uno di quei periodi che ci può sembrare triste, ma che con se ci porta delle bontà uniche, come la zucca!

Le ricette da scegliere questa volta, sono state prese dal Passiamole in rivista: La zucca dell'MTChallenge e tra tante, una più buone dell'altra, ho scelto da rifare i cannelloni di zucca e spinaci di Anna Calabrese.

Per tutte le altre ricette le potete trovate qui ...e zucca sia!!!!


Cannelloni di ZUCCA e spinaci



Ingredienti per 4 persone

 

400 g zucca, preferibilmente tipo violino, tagliata a fette

200 g di spinaci surgelati e scongelati 

200 g di ricotta 

12 cannelloni* 

700 g di salsa di pomodoro 

60 g di cheddar, grattugiato grossolanamente 

40 g di parmigiano grattugiato 


Preriscaldate il forno a 180°. Disponete la zucca su una teglia foderata da carta forno e cuocetela fino a quando non diventa tenera. Sfornate, schiacciatela e se è necessario scolatela se vi sembra tropo liquida e lasciate raffreddare. 

Spremete il liquido in eccesso dagli spinaci e tritateli grossolanamente. Amalgamate bene gli spinaci con la ricotta e la zucca e regolate di sale. 

Riempite i cannelloni con il composto di zucca. Io avevo della sfoglia   

Distribuite metà della salsa sul fondo di una teglia, disponete i cannelloni sopra e ricoprite con la restante salsa. Cospargete con cheddar e parmigiano. 

Coprite con un foglio di carta da forno e infornate a 180° per 35 minuti, quindi scoprite e continuate la cottura per ancora 20 minuti. I cannelloni dovranno dorarsi. 






note

* se come me vi rendete conto all'ultimo minuto, che non avete dei cannelloni di riempire a portata di mano, provate con la sfoglia fresca per lasagna e riducendo il tempo di cottura da 25 minuti coperti e 10 scoperti. Non è stata una scelta pianificata ma il risultato è stato più che soddisfacente!


martedì 28 luglio 2020

Ortaggi ripieni di Red Rice con salmorreta e verdure confit

Avete presente quel test del DNA che gira da anni su internet? 
Quello per sapere la percentuale di quali etnie e popolazioni discendi?
Ecco, proprio quello lì, è un test che prima o dopo farò. Sono sempre stata attratta e meravigliata delle culture e tradizioni al di fuori di quella mia, che amo e che mi ha insegnato ad imparare e rispettare quelle altrui senza però dimenticare da dove provengo. Ed è stato proprio con il cibo che ho scoperto sapori nuovi che in realtà mi sembra di conoscere da tutta la vita!
Se questa nuova proposta dell’MTC con il TASTE THE WORLD, inizia con una ricetta cosi meravigliosa come il Red Rice dei Gullah Geechee, riso che ho adottato di cuore e palato, non posso essere nient’altro che felice e grata! Perciò nella seconda proposta, quella lasciata alla nostra immaginazione, ho subito pensato alla salmorretta, una salsa molto usata da noi per condire il riso sia a base di pesce che di carne o di verdura, avete presente la paella? Bene, provate ad aggiungere la salmorretta alla paella.. sale di livello! 
E una di quelle sales magiche che è indispensabile avere in frigo e in freezer perche vi trasforma un semplice riso il bianco.

La mia proposta creativa non voleva spostarsi tanto da quella originale perche trovo che il Red Rice sia la perfezione, ho voluto soltanto integrare questa salsa, assieme al pomodoro della cottura del riso, per creare un connubio tra due culture, che guarda un pò, per secoli sono state represse… 
Venendo poi da una famiglia campagnola, la mia predisposizione ad usare sopratutto verdure e ortaggi, nelle mie ricette, è imprescindibile, perciò ho deciso di non usare il bacon nella ricetta tecnica del Red Rice e ne anche in questa, sono andata avanti per la strada vegetale (a parte il burro per il soffritto che prima o poi proverò a sostituire con l'olio). D'altronde questa è una ricetta di radici umili con i minimi ingredienti a portata di mano, e come tante ricette tramandate nel tempo, la cosa formidabile è che sono perfette proprio per la sua semplicità e abbinamento degli ingredienti, e anche la sua capacita di essere adattate a seconda la necessità. 
Perciò, trattandosi di una ricetta «povera» ho voluto arricchirla con dei pomodori e carote confit e verdure al forno che sono diventate uno scrigno un guscio da riempire con il riso. 
Sempre con l’incipit «non si butta nulla» l’interno e ritagli delle verdure sono state saltate in padella e usate assieme al confit per condire il Red Rice. E questa volta si… tanto timo.


Ortaggi ripieni di Red Rice 
con salmorreta pomodori e carote confit





Ingredienti per 4 persone:

 per il Red Rice
40 g di burro

1/2 cup di cipolla tritata (mezza cipolla)

1 spicchio d’aglio tritato

1 tazza di riso a grano lungo (250 g)

3 once / 100 g di passata di pomodoro

3 once / 100 g di salmorreta

1 cucchiaino di zucchero

1 cucchiaino di sale

Ѕ cucchiaino di pepe nero

1 foglia di alloro

2 cup/500 ml di brodo (io ho usato l’acqua di cottura delle melanzane e le cipolle)

foglie di timo fresco per servire




per gli ortaggi al forno
2 cipolle grandi
2 melanzane
3 peperoni
pannocchie
150 g pomodorini gialli
abondante timo fresco 
5 spicchi d’aglio
timo fresco in abbondanza




per il confit (veloce)
4 carote 
150 g di pomodorini rossi
6 spicchi d’aglio
abbondante olio di oliva extra vergine
timo fresco 




per la salmorreta
11 spicchi d’aglio nero (7 spicchi se usate aglio normale, sbucciati e privi dell'anima)
5 pomodori arrostiti senza pelle (o pure 5 pomodori pelati)
una tazza di foglie di prezzemolo Lavate e asciugate?
5 ñoras (idratate in acqua calda per almeno 30 minuti)
50 ml di olio extra vergine di oliva


la salmoretta...
Scaldate in una casseruola l'olio e quando questo è caldo rosolate gli spicchi d'aglio per 3 o 4 minutimescolando. Quando sono dorati, versate le ñoras, che avrete aperto e pulito dei semi, del piccolo e fatto a pezzetti, sempre mescolando per amalgamare i sapori. Aggiungete di seguito il prezzemolo e dopo qualche minuto il pomodoro. fatte soffriggere per una decina di minuti, mescolando spesso, e poi frullate fino ad ottenere una salsa senza grumi.

perparare gli ortaggi...
Lavate bene gli ortaggi. Sbucciate le cipolle, dividetele a metà orizzontalmente e mettetele in una pentola con dell’acqua bollente salata. Cuocetele assieme alle melanzane (tagliate a metà, per il verso lungo e svuotate), finche cominciano ad essere morbide 10 o 15 minuti saranno sufficienti. Scolatele dalla pentola e fate raffreddare.


in padella...
In una padella con coperchio, cuocete a fuoco molto basso i pomodorini per 10 minuti, in abbondante olio, 3 spicchi d’aglio schiacciati, un pizzico di sale e dei rametti di timo fresco.
Nello stesso modo cuocete le carote, sbucciate e tagliate fette da meno di un centimetro. Una volta tiepidi conservateli nei vasetti con il loro olio di cottura, in questo modo quelli che avanzano li potrete conservare per almeno una settimana in frigo.
Tagliate a dadini gli avanzi delle melanzane e saltate in padella con dell'olio, salate e quando sono cotti mettete da parte.
Lavate i peperoni, tagliateli a metà orizzontalmente e mettete da parte le basi. Con il resto pulitelo dai semi e ricavate dei pezzetti. Saltateli in padella con un filo d'olio e un pizzico di sale, una volta cotti mettete da parte.

nel forno...
In una teglia da forno, foderata con dell’apposita carta, versate un filo d'acqua, adagiatevi i pomodorini, le pannocchie, i gusci di peperone, di melanzane e quelli delle cipolle, alle quali avrete tolto la parte interna creando sempre un guscio (non li buttarli perche saranno il trito per fare il riso), condite con un pizzico di sale e un filo d’olio, aggiungete degli spicchi d’aglio schiacciati e dei rametti di timo fresco, coprite con della carta da forno e cuocete per 20 minuti a 180 C, poi scoprite la teglia e girate le pannocchie, cuocete finche queste e le cipolle saranno dorate, altri 20 o 25 minuti, ma fate attenzione a non bruciare il resto.

il riso...
Sciacquate velocemente il riso in modo di farli perdere del amido, non occorre tenerlo a bagno, sciacquarlo sara sufficiente, lasciate scolare.
Sciogliete il burro in una casseruola larga a fiamma media, quando prende un colore nocciola aggiungete la cipolla e cuocete fin quando sarà traslucida (2-3 minuti). 
Unite l'aglio e cuocete per un altro minuto, poi unite il riso e mescolate amalgamando i sapori fino a quando il riso perderà la sua trasparenza.
Aggiungete il resto di ingredienti: sale, pepe, zucchero, l'alloro, il pomodoro, la salmorreta e portate a bollore a fiamma alta. 
Abbassate la fiamma e coprite con il coperchio, (vi consiglio uno di vetro per potere tenere sott'occhio il riso senza dover scoperchiare per controllare) proseguite la cottura per una ventina di minuti, a me sono bastati 17, mescolando un paio di volte.
Quando il riso è cotto, spegnete il fuoco e coprite la casseruola con un canovaccio e poi sopra mettete il coperchio. Fate riposare per 5 minuti.
Eliminate l'alloro, sgranate il riso con una forchetta, aggiungete dei pezzetti di melanzane e di peperoni cotti in padella e mescolate, aggiungete delle carote e dei pomodorini confit e amalgamate il tutto delicatamente.
Con un cucchiaio riempite le verdure cotte al forno, a forma di guscio, aggiungete delle fette di pannocchie, dei pomodorini cotti al forno, e servire con qualche rametto di timo fresco.



note:
* Nel caso non trovaste le ñoras potete sostituirle con i peperoni cruschi. 
Se vi avanza della salmorreta, potete conservarla in frigo per 4 o 5 giorni o ancora meglio surgelarla, vi consiglio di provare a farlo metendola nei stampi per i cubetti di ghiaccio perche si dimostrerà molto utile all'ora d'insaporire qualsiasi tipo di risoma anche pasta o ricette dove ci vada un soffritto.  







-------------------------------------------------english version-------------------------------------------------



Red Rice Stuffed Vegetables 
with salmorreta and tomatoes and carrots confit


I adopted Red Rice with my heart and palate and I want to perfume it with salmorreta, a Catalan sauce (like me!) made with ñoras (nyoras peppers), typical Spanish dried bell peppers. It is widely used exactly for seasoning our rices and it’s the link between two cultures that have been repressed for centuries. I come from a country family, greedy for vegetables, so I don't use bacon but I create shells of roasted vegetables for rice, which I garnish with a simple tomato-carrot-thyme confit. Red rice has humble roots,  comes from the few ingredients on hand, and it is perfect precisely for its simplicity and its flexibility to   adapt to availability.

Serves 4

for salmorreta:
11 cloves of black garlic (7 cloves if you use usual white garlic, peeled and without the green germ)
5 skinless roasted tomatoes (or 5 peeled tomatoes)
1 cup parsley leaves, finely trimmed
5 ñoras (you can replace them with Italian peperoni cruschi  or other varieties of dehidrated sweet bell peppers)
50 ml extra virgin olive oil

for red rice:
40 g butter
1/2 onion, chopped
1 garlic clove, minced
1 cup long grain rice (250 g)
3 ounces/100 g tomato sauce
3 ounces/100 g salmorreta
1 teaspoon sugar
1 teaspoon salt
1 teaspoon black pepper
1 bay leaf
2 cup/500 ml broth (I used cooking water of aubergines and onions)
fresh thyme leaves, to serve

for oven-roasted vegetables
2 large onions
2 eggplants
3 bell peppers
2 corn cobs
150 g yellow cherry tomatoes
plenty of fresh thyme
5 cloves garlic

for confit vegetables
4 carrots
150 g red cherry tomatoes
6 cloves of garlic
plenty of fresh thyme
Soak ñoras in hot water for at least 30 minutes.  Rinse, opened, remove seeds and stems and cut into small pieces.

For roasted vegetables cut onions into halves horizontally; cut eggplants lengthwise and carve out most of its flesh, reserving it.

Put both onions and eggplant halevs in salted boiling water and cook until soft, 10 or 15 minutes. Drain and let them cool, then remove inner part of onions (and reserve) and create several shells separating the larger layers.

For confit cook the red cherry tomatoes with 3 crushed cloves of garlic in plenty of oil on a very low heat in a covered pan for 10 minutes with a pinch of salt and some sprigs of fresh thyme.

Cut carrots into round slices 5-6 mm thin and cook them separately in the same way you didi with tomatoes. Once tomatoes and carros confits are lukewarm, pour them into two jars with their cooking oil and close: you can keep in the fridge for at least a week.

Dice the eggplants pulp and sauté in oil with a pinch of salt until soft.

Cut bell peppers horizontally into halves, half and clean from stems, white filaments and seeds; reserve their bottoms and cut into small pieces their upper halves. Sauté pepper dices in a pan with a drizzle of oil and a pinch of salt.

Lay yellow cherry tomatoes, cobs, bell peppers’ bottoms, aubergines halves and onions shells in a baking pan lined with baking paper; pour a drizzle of water, season with a pinch of salt and a drizzle of oil, add crushed cloves of garlic and sprigs of fresh thyme, cover with baking paper and bake for 20 minutes at 180 °C (350 °F).

Uncover the pan, turn the cobs and keepcooking until cobs  and onions are golden brown, another 20 or 25 minutes, but be careful not to burn ather vegetables.

For salmorreta heat the oil in a saucepan and fry garlic cloves for 3 or 4 minutes, always stirring until golden. Add diced ñoras, always stirring to mix the flavors, then parsley and after a few minutes peeled tomatoes.

Fry for about ten minutes, often stirring, then mix  in a blender to get a lump-free sauce.
You can keep it in the fridge for 4 or 5 days or, even better, freeze it. I suggest freezing it in cubes, it will be very useful to flavor all types of rice or recipes where there is a sauté.

For red rice quickly rinse the rice to make it lose some starch and drain. Melt the butter in a large saucepan over medium heat, when it takes on a hazelnut color add the onion and cook until it is translucent (2-3 minutes).

Add the garlic and cook for another minute, then add the rice and mix, cooking  until the rice loses its transparency. Add salmorreta, tomato sauce, the bay leaf, salt, pepper and sugar,and bring to a boil over high heat.

Lower the heat, cover with the lid (a glass one let you check rice cooking without uncover) and cook for about 15-20 minutes (17 for me), stirring a couple of times.

When the rice is cooked, turn off the heat, cover the casserole with a cloth, then put the lid on and leave to rest for 5 minutes.

Remove the bay leaf, stir with a fork to separate rice grains, add cooked eggplant and bell pepper pieces, tomato and carrots confits and mix everything gently.


Fill the baked vegetables shells wirh the rice, add sliced corn cobs, roasted yellow cherry tomatoe and serve with a few sprigs of fresh thyme.






Da non perdere i video, dove Alessandra Gennaro, in modo assolutamente chiaro e accativante, vi fa un riassunto della storia di una popolazione tanto interessante come quella dei Gullah Geechee